you reporter

Calcio-La storia

Da portiere mancato a vero bomber

Marco Ferrarini aveva lasciato per un infortunio, ora è attaccante purosangue della Stientese. Il 32enne neroverde domenica ha segnato quattro reti contro la Villanovese.

Da portiere mancato a vero bomber

La parentesi della Terza categoria è definitivamente chiusa per la Stientese, vittoriosa domenica nel trofeo regionale di Seconda categoria. Un inizio stagione al di sopra delle più rosee aspettative che, dopo la promozione ottenuta nella scorsa stagione, scrive definitivamente la parola fine all’anno trascorso dopo la retrocessione.

Una vittoria netta per 5-1 contro la Villanovese che conferma la superiorità mantenuta sul campo e nel risultato ottenuto domenica quando alle 17, al comunale di Stienta, i ragazzi di mister Pellegrini hanno travolto la compagine guidata da mister Tamascelli nella prima partita della stagione, valida per la Coppa Veneto di Seconda categoria.

Vero matador della giornata è stato bomber Marco Ferrarini che ha firmato ben quattro delle cinque reti segnate. Il cannoniere neroverde lo scorso anno, al suo esordio in Figc, ha segnato ben 15 reti. Originario di Modena, Ferrarini ha iniziato a giocare da giovanissimo e ben presto è arrivato a vestire la maglia di portiere in società importanti militando anche in Prima categoria e in Eccellenza. Avete letto bene. Marco Ferrarini ha sempre giocato, con ottimi risultati, tra i pali. “A causa di un infortunio alla spalla ho poi deciso di abbandonare il calcio e qualche anno dopo, trasferitomi a Santa Maria Maddalena, ho iniziato ad allenarmi negli amatori proprio a Stienta - racconta lo stesso Ferrarini - Lo scorso anno alcuni giocatori mi hanno convinto a passare in categoria ed ho esordito come attaccante nella Stientese”.

Una storia davvero particolare che lascia intuire un carattere combattivo ed un impegno davvero forte da parte di un ragazzo che è riuscito a rimettersi in gioco con risultati evidenti, all’età di 32 anni. “Sulla partita di ieri (domenica per chi legge ndr) posso dire che i primi ad essere rimasti stupiti siamo stati noi - afferma ancora il bomber - a detta di molti la Villanovese è una delle società che si è attrezzata per cercare la scalata in Prima categoria, ma forse non erano al completo e non ancora in forma piena perché, al di là del gol, non sono mai riusciti a costruire azioni importanti e pericolose. Noi siamo poi stati bravi a sfruttare i loro errori e ad andare a segno ogni volta ne abbiamo avuto la possibilità. E’ comunque ancora presto e abbiamo iniziato la preparazione solo il 16 di agosto - conclude Ferrarini - speriamo solo di riuscire a continuare così come abbiamo cominciato”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl