Cerca

Piazzale Di Vittorio

“Riparte la ruspa, demoliremo l’ex biglietteria”

Il sindaco Massimo Bergamin: “Vogliamo riqualificare quell’area. Deve tornare alla città”

“Demoliremo l’ex biglietteria”

L’annuncio, che è anche una promessa, è stato lanciato dalle frequenze di Delta radio. Il sindaco Massimo Bergamin ha ribadito la ferma volontà di “demolire l’ex biglietteria di piazzale Di Vittorio. Tra poco riaccenderemo la ruspa per eliminare un immobile vecchio, e inutile, che abbruttisce la città”.

Il primo cittadino, ospite nella redazione della Voce per il programma radiofonico “La vostra Voce on air” tra le altre cose ha parlato anche del futuro del piazzale Di Vittorio, da anni nei piani delle amministrazioni comunali, per una vendita e una riqualificazione, al centro del quale sorge la vecchia biglietteria della stazione degli autobus, ridotto da tempo ad una sorta di mostro di cemento in abbandono e degrado. Ma il sindaco su questo punto non demorde anzi anticipa che “fra poco quel vecchio immobile andrà giù. Lo demolirò. La città deve riappropriarsi di uno spazio che da troppo tempo rimane inutilizzato e degradato”.

E proprio ieri mattina l’assessore comunale alle società partecipate, Stefano Falconi, ha spiegato che “entro breve, forse già nei prossimi giorni - sarà pronto il bando per la cessione di piazzale Di Vittorio. L’operazione non si è mai fermata è sta per entrare nel vivo”.

La vendita del piazzale, che sorge a lato di Corso del Popolo, a poche decine di metri dal cuore di Rovigo, è uno degli obiettivi della giunta Bergamin. Rispondendo alle domande del direttore della Voce e del conduttore radiofonico Paolo De Grandis, Bergamin ha puntualizzato che “dobbiamo rivitalizzare e riqualificare quell’area della città. L’ex biglietteria andrà abbattuta, occorrerà poi, prima di qualsiasi altra ipotesi, potenziare la pubblica illuminazione dell’intera area, adesso è troppo buia. Migliorerà la luce anche nel collegamento fra il Corso, piazzale Di Vittorio e il parcheggio multipiano.

L’abbattimento della vecchia biglietteria delle corriere e la revisione del piazzale rientrano in un progetto complessivo che prevedeva la realizzazione, in quell’area, di un piazzale più piccolo, uffici e negozi. Un recupero sul quale il sindaco crede molto. Le procedure per un bando di vendita del Di Vittorio non saranno brevi, ma il sindaco ha già metaforicamente inserito le chiavi nella ruspa. Non resta che inserire la marcia avanti e cominciare l’abbattimento.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy