you reporter

LENDINARA

In tre per il vertice della Cittadella cultura

Da poco ricevuti 100mila euro dalla Fondazione Cariparo per la valorizzazione artistica

In tre per il vertice della Cittadella cultura

Ristretta a tre la rosa dei candidati per il posto di direttore alla Cittadella della cultura di Lendinara. Sei i concorrenti, tra cui solo Maria Cappelletti, Nicola Gasparetto e Pamela Ormolini hanno superato le prime due prove scritte e saranno convocati per la prova orale il prossimo 17 gennaio.

La Cittadella della Cultura è un fiore all’occhiello del panorama lendinarese, con la sua ampia offerta che va dai servizi bibliotecari, agli archivi storici del comune e di famiglie importanti della città, al Museo del Risorgimento Polesano e, ultimo arrivato, il Museo degli Artisti Polesani.

Il concorso mira a selezionare un candidato che possieda elevate conoscenze plurispecialistiche e che sia in grado di coordinare l’attività del personale congiunto della struttura. Tante le attività organizzative che ogni giorno dovrà trovarsi ad affrontare, nell’ambito culturale, bibliotecario, museale e turistico con funzioni quali l’acquisizione, il trattamento scientifico e la catalogazione, anche informatizzata, del materiale bibliografico e documentario, la gestione dei servizi di pubblica lettura e di iniziative di promozione alla lettura, la programmazione e la gestione di allestimenti ed esposizioni museali e l’organizzazione di eventi culturali, la gestione di attività archivistiche, di consulenza e di ricerca.

Oltre a mantenere relazioni organizzative interne ed esterne e accordi complessi.

La Cittadella ha da poco ricevuto un finanziamento di 100mila euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per la valorizzazione culturale della cittadina: 140mila euro dovrà essere la somma complessiva dell’intervento, che sarà diviso in due momenti culturali, pronti entro la prima metà del 2019. La prima fase prevede la valorizzazione del ricco archivio di Giuseppe Marchiori conservato in Cittadella.

Il piano nobile della Cittadella ospiterà una mostra sul Fronte Nuovo delle Arti, il gruppo di artisti riunitisi proprio intorno a Giuseppe Marchiori, a settant’anni dalla partecipazione alla Biennale di Venezia del 1978. Il secondo step riguarderà invece l’ultimo piano della Cittadella, con l’ampliamento del percorso espositivo del Museo del Risorgimento.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl