you reporter

METEO

Freddo polare, ma la neve tarda ad arrivare

Checchinato: “Cautela sulle precipitazioni a nord”. Mentre lo smog scende a livelli accettabili

Freddo polare, ma la neve tarda ad arrivare

 Meno 2 e meno 3.5 gradi centigradi. Sono previsti tra oggi e i prossimi due giorni, ma la neve tarda ad arrivare.

“Come una flotta quasi ‘disperata’ ci chiedete se arriverà un po' di neve anche al nord - scrive nella pagina Bpp Bassa pianura padana photo e meteo, Maycol Checchinato - E noi vi diciamo state calmi perché l’inverno é ancora lungo e avrà ancora molto da dire. Già dalla prossima settimana. Possiamo subito dirvi che gennaio proseguirà con standard piuttosto dinamici e con alte potenzialità invernali in Europa e per l’Italia. Ma se la neve al centrosud in questi giorni è invidiata, per le nostre zone non bisogna illudere, ma qualche speranza c’è... qualcosa bolle in pentola”.

Il meteorologo, infatti, spiega che entro il 10 gennaio si verificherà un “nuovo affondo che andrà a tuffarsi dal Nord Europa verso l'Europa centrale e raggiungerà la Penisola portandovi un nuovo peggioramento e un nuovo raffreddamento”.

In questo caso l’ondata di freddo arriverà dalla Valle del Rodano e “potrebbe produrre un minimo di bassa pressione sul Tirreno. Ma qui nascono i problemi! Perché un minimo di bassa pressione troppo basso (in questo caso nel Mar Tirreno) non consentirebbe un coinvolgimento netto del Nord Italia con le precipitazioni che resterebbero confinate Oltralpe e di nuovo al centro-sud lasciando fuori il Nord Italia con un clima moderatamente freddo”.

Insomma, la “prognosi è riservata” scherza Maycol Checchinato e chiede agli amanti dei fiocchi di neve di armarsi di pazienza.

Con queste temperature e il cielo limpido, d’altro canto, anche sul fronte dello smog Rovigo ha registrato un abbassamento delle polveri sottili. Una manna dal cielo per il Comune capoluogo, che non ha emanato l’ordinanza antismog, nonostante i quattro giorni consecutivi di sforamento. Rovigo, con 49 sforamenti delle polveri sottili rispetto ai 35 consentiti per legge, è tra le città più inquinate del Veneto. Venezia è la città che nel corso del 2018 ha fatto registrare più giorni con sforamenti dei limiti di polveri Pm10, con 63 superamenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl