you reporter

Volley B maschile

L’Alva Inox chiude quarta

A Porto Viro il Delta cede nel match di consolazione, della Final Four di Coppa Italia, per 3-1 contro il Fano.

L’Alva Inox chiude quarta

20/04/2019 - 16:27

L’Alva Inox Delta cade nella finale di consolazione per il terzo e quarto posto, della Coppa Italia di pallavolo di Serie B, contro i marchigiani della Gibam Fano: una partita divertente seguita da un buon pubblico, con oltre 300 paganti, nonostante l’orario d’inizio, le 11. Mister Zambonin cambia la diagonale palleggiatore opposto rispetto alla semifinale persa poche ore prima, inserendo Bosetti in cabina di regia e “Pippo” Maniero opposto, mentre conferma per le bande Dordei e Cuda, ed i centrali Luisetto e Arienti.

I due sestetti partono a spron battuto, entrambi con buoni servizi ed un gioco veloce al centro. Si avanza punto a punto, l’Alva Inox mette per primo la testa avanti con dopo due “ace” ed una attacco di Maniero che portano i nerofucsia sul 18 – 16. Dopo il time out chiesto da Radici, Fano martella con Paloni e Lulloni, mentre i locali commettono qualche errore di troppo ed il set va ai marchigiani per 25-21. Secondo parziale con la Gibam che mette in mostra difese spettacolari, mentre Bosetti fa giostrare bene tutti i suoi attaccanti: primo break (15-11) con due attacchi di Dordei, un primo tempo di Luisetto ed un servizio vincente di Bosetti. Arienti è imperforabile a muro (19-13), Fano prova ad aumentare la pressione per tentare il recupero ma il Delta Volley non perde la calma e chiude ancora con un primo tempo di Luisetto.

Nel terzo set più fallosi i padroni di casa che vanno sotto subito per 2-6. Bosetti, con una magia, prova a riavvicinare i suoi (9-11) ma il servizio ficcante degli ospiti tiene in costante apprensione l’Alva Inox. Radici stoppa con un timeout l’abbozzo di rimonta deltina, sul 16-22 e Lulloni chiude con una bordata da seconda.

Quarta frazione di gioco con Zambonin che cambia molto il sestetto base: fuori gli schiacciatori Dordei e Cuda per Bernardi e Maniero, con Bellini che entra per fare l’opposto, conferma al centro per Trolese, entrato alla fine del terzo, per Arienti.

Ancora inizio set con grande equilibrio, gran difese di Fano e begli attacchi Alva Inox: un lunghissimo scambio sul 6 pari, è chiuso da Luisetto, il migliore in campo, visto che era opposto ad un “mostro sacro” come il cubano Salgado.

L’equilibrio resta fino al 15 pari, poi tornano le solite difficoltà in ricezione per i nerofucsia: Zambonin prova a dare la scossa con il doppio cambio, inserendo Vanini al palleggio e Michieli opposto. L’Alva Inox non vuole cedere, ma i lunghi scambi che seguono sono tutti a favore della Gibam che si aggiudica l’incontro sul 25-12 dopo un’ora e 51’ di gioco. Bella la giovane squadra marchigiana, con tanti promettenti atleti del ’99, guidati dall’esperto capitano Salgado.

Il Delta Volley si aspettava almeno di poter giocare la finale per il 1° e 2° posto e la delusione dei giocatori e dello staff tecnico era palpabile. Resta, comunque, il grande successo organizzativo della società presieduta da Luigi Veronese che, per il secondo organizzativo, ha portato il meglio del volley nazionale di categoria nel Delta, diventando un formidabile mezzo di promozione per il territorio.

Proprio il presidente, prima della cerimonia di premiazioni, ha voluto ringraziare sentitamente tutti coloro che si sono impegnati per l’ottima riuscita della “Final four”, dagli sponsor agli atleti, dall’amministrazione comunale ai ragazzi di servizio al campo, per finire con tutti quelli che hanno lavorato giornate intere dietro le quinte.

E’ cresciuto molto, in queste stagioni, anche il pubblico, sia come numero di appassionati (lo ha dimostrato questa “Finalina”), sia in competenza sportiva. Coppa Italia a parte, la stagione non è ancora finita: ci sono ancora due partire di campionato da disputare e poi i play off per l’accesso alla neo nata lega di Serie A3.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Natale con i nostri TESORI
Polesine i nostri primi 70 anni

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl