you reporter

FICAROLO

Il torneo Ipsia vs Istituti per promuovere l’inclusione

Sesta edizione per il torneo di calcetto tra i ragazzi degli Istituti di Ficarolo e quelli dell'Ipsia di Badia Polesine. Soddisfazione tra partecipanti e organizzatori.

Il torneo Ipsia vs Istituti per promuovere l’inclusione

Un torneo di calcetto inclusivo. E’ arrivato alla sesta edizione il torneo di calcetto nella palestra dell’Istituto “Einaudi” di Badia Polesine, l’8 maggio. Protagonisti i ragazzi della squadra di calcetto degli Istituti Polesani di Ficarolo e gli studenti dell’Istituto Ipsia di Badia Polesine, guidati dalla professoressa Antonella Bozzolan e dai loro docenti.

La stessa Bozzolan ha fatto riferimento a recenti fatti di cronaca che hanno spinto il Ministero dell’Istruzione a rivalutare la necessità dell’educazione civica nelle programmazioni scolastiche. A proposito di questo speciale incontro, ne ha parlato emozionato Alex, un ragazzo ospite degli Istituti Polesani, che si è cimentato nel ruolo di attaccante durante il torneo. E’ sceso in campo con il numero 8, pronto a trionfare insieme ad alcuni suoi compagni e ragazzi delle Scuole, con i quali si è subito integrato ed è riuscito a collaborare con grande entusiasmo.

E’ rimasto molto colpito dall’accoglienza degli insegnanti e dei ragazzi stessi e da un vero e proprio campo da calcetto, su cui ha potuto dimostrare le proprie abilità e soprattutto non si aspettava di creare un bel legame di amicizia con alcuni studenti; ricorda in modo particolare Angelo, studente dell’Ipsia, con il quale si è creata una bella intesa che ha permesso all’intera squadra di trionfare durante una delle partite con un bel 3 contro 1! Con un sorriso confida, inoltre, il suo desiderio di poter giocare più spesso in queste manifestazioni per confrontarsi, allenarsi e collaborare insieme condividendo questa grande passione che unisce moltissimi giovani. L’assessore allo Sport del Comune di Badia Polesine Stefano Baldo e il Direttore Provinciale Special Olympics Monica Crivellaro hanno consegnato il trofeo. Il saluto finale ha visto il prezioso contributo di Don Wanni Manzin che ha salutato tutti gli atleti partecipanti, citando il pensiero di Papa Francesco sull’importanza della diversità che caratterizza l’essere umano.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl