Cerca

Adria

Le zanzare sbarcano in tv

L’ordinanza prescrive gli obblighi da rispettare contro la proliferazione dell’insetto

Le zanzare sbarcano in tv

L’azienda sanitaria Ulss 5 insieme a Conferenza dei sindaci e Regione Veneto hanno messo a punto un piano di prevenzione, che consiste nella disinfestazione antilarvale su fossati e caditoie in modo omogeneo su tutta la provincia. Lo scopo è quello di ridurre il danno sanitario occorso la scorsa estate provocato dalla febbre del Nilo.

Sulla lotta alla zanzare si è interessata anche la nota trasmissione televisiva “Uno Mattina” di Rai Uno.

L’amministrazione comunale, infatti, ha incontrato nel giardino del museo archeologico nazionale gli inviati della trasmissione insieme al direttore dell’Ulss 5 Antonio Compostella e al responsabile dell’ufficio comunale ambiente, Luca Medea, per fare il punto della situazione.

Le riprese sono state fatte poi nell’oasi golena di Panarella. Qui la giornalista ha intervistato il presidente Wwf di Rovigo Eddi Boschetti sugli aspetti naturalistici dell’argomento, insieme al sindaco Omar Barbierato in qualità di responsabile del Distretto2 del progetto di prevenzione zanzare Ulss 5.

"Vista l'emergenza sanitaria dello scorso anno - si legge in una nota di palazzo Tassoni - è importante sottolineare come un buon risultato si ottenga attraverso azioni sinergiche tra cittadini e amministrazione, attraverso trattamenti specifici nelle aree verdi maggiormente frequentate, ad esempio quelle in cui si svolgono eventi e manifestazioni. Tutto ciò utilizzando prodotti che non danneggino l'ambiente. Le piogge di maggio e il successivo caldo hanno rappresentato una variabile climatica che purtroppo ha sfavorito il piano di prevenzione: occorre ora continuare l’azione intrapresa e monitorare i dati, al fine di capire la bontà dell’azione intrapresa”.

Sulla "Voce" di giovedì 20 giugno l'articolo completo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy