you reporter

Ciclismo Juniores

Villadose invasa dalle due ruote

Un centinaio di partecipanti al 40° Gran Premio del Comune, “Memorial Emanuele Bettonte”. Michael Zecchin, corridore della Team Work, ha tagliato per primo il traguardo.

Il 40° Gran Premio Comune di Villadose, primo “Memorial Emanuele Bettonte”, seconda ed ultima prova del Challenge Destra Sinistra Adige, svoltosi domenica scorsa, ha riservato al folto pubblico presente sorprese e colpi di scena.

La gara, organizzata dalla società di casa, Angelo Gomme, presieduta da Roberto Dolcetto, è iniziata sotto la pioggia alle 14, con quasi 100 partecipanti, tutti della categoria Juniores: 16 i giri da percorrere per un totale di 124 chilometri e 800 metri, sul circuito Villadose-Cambio-Villadose.

A portare la speranza che il tempo migliorasse la signora Luisa Renesto che ha detto commossa: “Sento che Emanuele è qui con noi e ci porterà il sole”. Luisa è la moglie del compianto Emanuele Bettonte, ex dirigente della società, mancato pochi mesi fa. Il sole ha accompagnato l’ultima fase della gara. Speaker della manifestazione Anna Chiara Dinale, che ha condotto un’avvincente radiocronaca.

Quando mancavano 4 giri alla fine, un gruppetto di una decina di atleti aveva distaccato gli altri per 45 secondi.
Il drappello è stato a sua volta distaccato da Alessandro Cugianearo negli ultimi 3 chilometri, raggiunto da Michael Zecchin della Team Work Service Romagnano, che ha tagliato il traguardo con un tempo di 2:48:25, seguito da Peric Vojislav della Borgo Molino Rinascita Ormelle, terzo Pietro Generali di Assali Stefen Omap Gs Cadidavid. Grandi applausi per i vincitori, premiati all’arrivo e poi alla Residenza Anni Azzurri Sant’Anna, partner del Gp da 4 anni, sede per la gara del ritrovo degli atleti e delle premiazioni conclusive.

Il sindaco di Villadose, Gino Alessio, ha ringraziato tutti i giovani atleti per la presenza, esempio di determinazione e raggiungimento degli obiettivi per tutti. Un saluto è stato rivolto dalla dirigente della Residenza, Marta Tardivo: “Ringrazio tutto l’entourage organizzativo, i 120 ospiti attendono con ansia l’evento, complimenti a tutti”.

A seguire Roberto Dolcetto, organizzatore dell’evento ha commentato: “Il Challenge è nato per unire due realtà ciclistiche, vogliamo rafforzare e diffondere il ciclismo nelle due aree Destra e Sinistra Adige. Per tutto questo va dato merito anche ai fratelli Patrese, figli del direttore ciclistico per antonomasia Orlando Patrese”. I figli, Mauro e Maurizio, hanno voluto ricordare il padre: “Grazie per l’invito, abbiamo un senso di ammirazione per questo sport, grazie ancora a tutti e speriamo che nostro padre sia sempre un esempio per questi giovani”. Infine, il saluto del dottor Moscati di Rovigo Banca, che è stato lo sponsor principale della manifestazione.

Quindi, sono stati premiati per il primo “Memorial Emanuele Bettonte”, Sebastian David Kajamini. Consegnati i premi per il 40° Gran Premio: primo Michael Zecchin, secondo Peric Vojislav, terzo Pietro Generali, quarto Gianluca Cordioli, quinto Ivano Polese. Ecco i premiati per la Challenge Destra Sinistra Adige: primo Michael Zecchin (Work Service) con 22 punti, secondo Peric Vojislav (Borgo Molino) con 17 punti, terzo Giacomo Rosignoli (Angelo Gomme) con 15 punti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl