you reporter

Calcio Serie D

Aliù fa decollare l’Adriese

La tripletta del numero 9 permette ai granata di battere 3-1 la Luparense. Immediato riscatto della squadra di mister Tiozzo dopo il ko con il Belluno.

Aliù fa decollare l’Adriese

L’Adriese torna alla vittoria espugnando il “Casee” grazie alla tripletta di Aliù. Grande successo dei granata che si rifanno immediatamente della sconfitta subita per mano del Belluno nel turno infrasettimanale. Andando con la cronaca del match, all’8’ sventola dai 25 metri di Scapin e ottima risposta in corner di Cabras. I Lupi insistono e vanno ancora vicini al vantaggio con un mancino dal limite di Gashi, largo di poco. Al primo vero affondo, però, passa l’Adriese: Lauria sfonda sulla destra, pallone al centro per Aliù che batte facilmente Burigana al 14’.

I locali accusano il colpo e Pedrelli si becca due gialli nel giro di pochi minuti e viene espulso, lasciando quindi i suoi in inferiorità numerica al 20’. Passano 120” i granata radoppiano. E’ ancora con il sigillo di Aliù che si dimostra implacabile, stavolta con un colpo di testa che bacia il palo prima di insaccarsi dopo un corner di Lauria. Al 35’ arriva un’occasione per i patavini. Beccaro viene atterrato in area da Boscolo e per l’arbitro è rigore, dal dischetto va Pittarello che trasforma di potenza.

L’inerzia della gara cambia, i Lupi prendono coraggio e schiacciano i granata nella loro metà campo. Dall’altra parte l’Adriese è pericolosissima in due occasioni, entrambe le volte però Burigana cancella Lauria e Aliù con due interventi prodigiosi. La Luparense nella ripresa deve provare il tutto per tutto, rischia però di soccombere nuovamente sul destro a botta sicura dello scatenato Aliù, ma Burigana disinnesca ancora la minaccia. L’appuntamento con il tris è tuttavia solo rimandato, perché lo stesso numero 9 è letale sottoporta e fa sprofondare i sanmartinari con la sua tripletta personale al 6’ della seconda frazione di gioco.

Da questo momento lo sviluppo del gioco dei padroni di casa è confuso, mentre l’Adriese gioca con disinvoltura. I locali provano a sfruttare la fisicità del neo entrato Mammetti e i lanci di Zane. La chance per chiudere i giochi ce l’ha però la formazione guidata in panchina dal tecnico Luca Tiozzo. Lauria si invola da solo per 50 metri, arriva davanti a Burigana che lo ipnotizza con un’uscita che salva il salvabile. Sul ribaltamento di fronte Mammetti si libera bene in area e trova un prodigioso riflesso di Cabras ad evitare il 2-3. Al 33’ Pittarello si guadagnerebbe un altro rigore, ma inspiegabilmente l’arbitro lo ammonisce per simulazione. La squadra di Cunico non ne ha davvero più, tenta con le residue forze di accorciare il risultato per il forcing finale ma gli ospiti in maglia granata difendono con ordine senza particolari affanni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl