you reporter

AGRITURISMI

Benetti: “Riaprite le attività all’aperto”

Il titolare: “Il lama trekking è molto sicuro e le fattorie didattiche con i gruppi pure”

Benetti: “Riaprite le attività all’aperto”

Fermo ancora il turismo rurale e ferma anche l’accoglienza di tipo turistico. La Corte Benetti ha sofferto, come tutte le strutture agrituristiche, del lockdown e di una ripresa che fatica.

Ma nei tre mesi di chiusura totale, la corte, conosciuta per il suo allevamento di lama e i percorsi di fattoria didattica, ha dato spazio ai lavori di ristrutturazione e ampliamento che erano in cantiere. “La nostra è una struttura nuova - racconta Fabio Benetti, che è stato consigliere comunale a Rovigo - E ovviamente è da completare. Quando abbiamo visto che si prospettavano tre mesi di chiusura, abbiamo approfittato per continuare con alcuni lavori, anche se inizialmente anche il settore edile è stato completamente fermo. Saremo pronti per il prossimo anno per offrire ancora più accoglienza per i nostri eventi”.

Non si è fermata, invece, il Bed and breakfast, grazie al fatto che il vicino ospedale ha dato lavoro a medici e infermieri provenienti da tutta Italia, nella fase più critica del contagio.

“Il lavoro dunque non è mancato - spiega Fabio - anche se ovviamente abbiamo avuto una perdita del 100% rispetto agli anni passati”. Niente compleanni, lauree, matrimoni che erano già in programma. “Abbiamo fatto di necessità virtù, ma siamo già pronti per i lama trekking, aspettiamo solo l’ok dalle direttive del governo. Anche perché l’attività con gli animali è all’aperto, è garantita la distanza tra animale e animale. I lama stanno in fila indiana ad almeno due metri di distanza. Le richieste sono tante, ma non riusciamo a partire”.

Stessa cosa per le fattorie didattiche, che piacciono tantissimo alle famiglie e ai bambini: “Saremmo disponibili per i gruppi con gli accompagnatori. Nel periodo scolastico erano le classi ad arrivare per due o tre ore in cui spiegavi tutte le attività della fattoria. Non riusciamo attualmente a seguire piccoli gruppi perché noi non abbiamo il personale per seguire i bambini nel distanziamento sociale. Ma saremmo pronti per i gruppi con accompagnatori”.

Ferma anche questa attività all’aperto.

Per l’estate Benetti spera ancora di poter aprire ai turisti la struttura: “A parte la vicinanza all’ospedale, che agevola l’accoglienza di persone che arrivano a causa delle cure a Rovigo - spiega Benetti - Posso dire che lo scorso anno, ad esempio il 70% dei turisti proveniva dall’estero. A Rovigo, è strano che non si punti su questo aspetto, è al centro di mare, montagna, terme, città artistiche. E il pernottamento qui costa la metà che a Venezia. E si trovano tutti bene, benissimo”.

Basta poter tornare a lavorare.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl