you reporter

IL PREFETTO

Movida e Covid: “Controlli mirati ai locali”

“I giovani dimenticano troppo spesso che possono essere veicolo per i propri parenti”

Movida e Covid: “Controlli mirati ai locali”

Il prefetto Maddalena De Luca

“I controlli per contrastare il contagio da Coronavirus non li abbiamo mai fermati e sono concentrati nei punti di ritrovo che aggregano più persone e nelle località turistiche”. Il prefetto Maddalena De Luca non abbassa la guardia e anche se le segnalazioni di locali un po’ troppo affollati durante le notti rodigine e polesane e il timore che i giovani possano essere un veicolo di contagio, lei allarga le braccia: “In Polesine abbiamo un solo contagio, tra l’altro una persona che risiede in Polesine, ma che aveva contratto il Coronavirus altrove. I controlli proseguono per l’osservanza delle precauzioni minime come le mascherine e il distanziamento sociale, specie nei luoghi di maggiore aggregazione e nelle località turistiche e nelle spiagge”. E aggiunge: “Devo anche dire che negli esercizi commerciali controllati e nelle attività di ristorazione che sono state sottoposte a controlli, non sono state elevate sanzioni oramai da un bel po’ di tempo. Questo non significa ch tutti rispettano i sacrifici minimi richiesti e a cui ci stiamo abituando, ma che negli esercizi commerciali, nei bar e nei locali le abitudini sono state oramai introiettate e tutti seguono le normative”.

Il servizio completo sulla Voce di Rovigo di oggi 14 luglio

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl