you reporter

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Zona gialla: ora responsabilità per non perderla subito"

L'appello del prefetto di Rovigo Maddalena De Luca alla popolazione

Maddalena De Luca: "La sicurezza va conquistata e garantita"

Il prefetto di Rovigo Maddalena De Luca

30/01/2021 - 16:32

"Da lunedì passeremo in fascia gialla, per questo richiamo la popolazione del Polesine all’attenzione: serve un grosso senso di responsabilità da parte di tutti per non vanificare quanto fatto". Il prefetto di Rovigo, Maddalena De Luca, si appella alle coscienze del polesani in vista dell’allentamento delle misure restrittive conseguente allo spostamento della Regione Veneto in zona gialla da domani.

"Il dato epidemiologico ha consentito che fossimo spostati in fascia gialla - ribadisce il prefetto - quindi possono riaprire le attività di ristorazione, principalmente, ma anche le altre legate a questa fascia. Serve però un grosso senso di responsabilità e il rispetto delle misure di prevenzione, dai dispositivi di protezione individuale all’igienizzazione delle mani fino al distanziamento. Per quello che abbiamo conosciuto finora, forse è il primo vero momento nel quale proviamo a convivere con il virus. E alla luce di quello che è successo, sappiamo che solo se si adottano queste precauzioni, si scongiureranno nuovi contagi. Con un minimo di attenzione si può tornare a una vita normale".

E sarà un modo per tornare a riprendere parte delle abitudini delle quali si era privati. "Ci darà un senso di ritorno alla normalità e al di là del rispetto per le categorie penalizzate, se non ci sarà attenzione si rischieranno nuove chiusure" avverte il prefetto. E lunedì, oltre a l’ingresso in zona gialla, ci sarà il rientro a scuola. "Mi appello anche ai ragazzi - le parole del prefetto - abbiamo messo in campo gli strumenti adeguati per garantire il rientro in aula. Dal numero degli autobus aumentato, con meno capienza, agli ingressi orari elastici. Ora sta nella responsabilità dei ragazzi, è un’occasione troppo importante, rivedersi con compagni e professori, per vanificarla con comportamenti irresponsabili. Il ritorno a scuola significa garantire l’opportunità della loro crescita".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 3
  • Sasan

    30 Gennaio 2021 - 22:10

    Noi delle categorie ci siamo adeguati, abbiamo speso del nostro per rendere più sicure per i lavoratori ed i nostri clienti le nostre attività con la risposta delle istituzioni (anche da lei rappresentate sig. prefetto) di chiusura e limitazione senza senso del nostro lavoro, Mio figlio che frequenta la scuola a Rovigo, per arrivare all'Istituto utilizza i pullman che nonostante le rassicurazioni iniziali correvano strapieni di studenti, non rispettando le indicazioni degli superscienziati di Roma, Qualcuno che ora proclama ordine e controllo forse allora non è stato molto attento... Forse un poca di umiltà, da parte di istituzioni non all'altezza della situazione, sarebbe quella di ascoltare chi in strada e tra la gente ci vive, queste sono le Categorie, le Direzioni Scolastiche le camere di commercio, Forze dell'ordine....

    Rispondi

  • Maass

    31 Gennaio 2021 - 18:06

    Responsabilità dei veneti? Dove ha trascorso le festività natalizie Sua Eccellenza il Prefetto di Rovigo? Aprite tutto e alla svelta!

    Rispondi

Mostra più commenti

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl