you reporter

PESCA

“Voto sui diritti: nessun reato”

L’esposto della Provincia non convince la Procura, che domanda l’archiviazione del fascicolo

“Voto sui diritti: nessun reato”

La Procura della Repubblica ha chiesto l’archiviazione del fascicolo “figlio” dell’esposto presentato dalla Provincia all’indomani del “voto ribelle” col quale un gruppo di consiglieri, messo in minoranza il presidente Ivan Dall’Ara, aveva proposto e visto approvare l’affidamento dei diritti esclusivi di pesca al Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine di Scardovari per 15 anni. Questo significa che la Procura, fatte tutte le valutazioni del caso, non ha ravvisato alcun profilo di responsabilità penale nella vicenda portata alla sua attenzione da Palazzo Celio.

Sullo sfondo di tutto, nozione necessaria per comprendere la complessa vicenda, la “battaglia” scatenatasi per i diritti esclusivi di pesca.

Si tratta di un istituto di fatto senza eguali in Italia, ossia del diritto di allevare e pescare i molluschi nelle lagune interne di Porto Tolle. Per lungo tempo, questo diritto è stato trasmesso, dietro pagamento di un canone, dalla Provincia, che ne ha la disponibilità, al Consorzio Cooperative pescatori di Scardovari, ossia l’organismo che raccoglie le cooperative di pesca di molluschi della Sacca. Si tratta di uno dei settori produttivi trainanti dell’intero Polesine.

Al momento dell’ultimo affidamento, però, qualcosa si è inceppato, a causa della diffida di una agenzia immobiliare che chiedeva di potere bloccare questo automatismo e che anche la sua richiesta venisse presa in considerazione, ai fini dell’affidamento dei diritti esclusivi di pesca.

Questa novità ha scatenato una empasse in Provincia, arrivando anche nel momento in cui il Consorzio domandava, invece, un affidamento più lungo rispetto al solito, per potere operare investimenti estremamente importanti per la laguna.

La Provincia, da parte sua, con il presidente Ivan Dall’Ara, aveva invece proposto una proroga di respiro più breve, per decidere il da farsi. A risolvere la situazione, un gruppo di consiglieri provinciali, che hanno deciso di portare in consiglio una propria proposta di delibera con proroga dei diritti al Consorzio per 15 anni. Proposta poi messa ai voti e approvata.

L’esposto avanzato dalla Provincia sulla vicenda non ha portato alla configurazione di alcuna ipotesi di reato da parte della Procura. La medesima Procura, invece, nei mesi scorsi aveva notificato al segretario direttore generale della Provincia, Maria Votta Gravina, 50 anni, la chiusura delle indagini preliminari a suo carico, sempre per fatti che si sarebbero verificati nel periodo della discussione sull’affidamento.

Secondo quanto emerso dagli accertamenti, il sostituto procuratore della Repubblica Sabrina Duò ipotizza che Votta Gravina abbia cercato di “costringere i consiglieri provinciali Roberto Pizzoli (sindaco di Porto Tolle, ndr), Sara Mazzucato, (consigliere comunale di Adria, ndr) e Valeria Mantovan (assessore comunale di Porto Viro, ndr) ad esercitare in senso difforme dalla loro volontà l’esercizio di un diritto politico”. Tentativo che non sarebbe comunque andato a buon fine.

In particolare, in occasione di un tavolo di lavoro - chiaramente secondo la ricostruzione della Procura - Votta avrebbe detto a Pizzoli e Mazzucato che, in caso di un loro voto positivo alla proposta per i 15 anni, avrebbe trasmesso gli atti a Procura e Anac, sostenendo di avere già parlato col procuratore; successivamente, avrebbe invitato Mazzucato, firmataria della proposta di delibera, nel proprio ufficio, domandandole “se dormiva ancora di notte” e “se pensava a sua figlia”, quindi sottoponendole una serie di sentenze in materia d’abuso d’ufficio commesso da amministratori pubblici; infine, sempre secondo la ricostruzione della Procura, avrebbe detto a Mantovan che, in caso di un suo voto positivo alla proroga per 15 anni, avrebbe avuto “ritorsioni di carattere patrimoniale” e sarebbe stata “esposta a conseguenze negative estreme”, dal momento che la avrebbe denunciata agli organi competenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl