you reporter

Adria

San Nicola, qualcosa si muove

Sempre più urgente il recupero della chiesa che versa in condizioni pietose.

San Nicola, qualcosa si muove

Non è rimasto inascoltato il grido di dolore lanciato da Paolo Rigoni nei giorni scorsi per richiamare l’attenzione sulle pietose condizioni in cui versa la chiesa di San Nicola eretta a Monumento ai Caduti. Al punto che è persino spenta la lampada votiva, “quella fiamma che doveva essere eterna nelle intenzioni dei costruttori di allora: a quei caduti di tutte le guerre, a quei ragazzi dobbiamo riconoscenza”.

La questione è rimbalzata nel consiglio comunale dell’altra sera su segnalazione di Massimo Barbujani. Il sindaco Omar Barbierato ha informato di aver avviato incontri con alcune associazioni per valutare insieme un percorso comune per riportare l’edificio all’antico e doveroso splendore. La questione è complessa perché chiama in causa anche la curia vescovile proprietaria dell’edificio religioso.

Al momento l’unica proposta concreta è quella di Sandro Gino Spinello che ha rilanciato l’idea avanzata da Paolo Rigoni: ovvero quella di avviare una sottoscrizione cittadina per coinvolgere più soggetti, singole persone, associazioni, enti e istituzioni. “Iniziativa – sottolinea l’ex sindaco – che ha prima di tutto un valore morale: solo così, come avvenne un secolo fa, il recupero e ristrutturazione dell’edificio può essere sentito come ‘cosa propria’ dalla cittadinanza, un bene comune nel vero senso della parola”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl