you reporter

verso la zona arancione

Domani i negozi, poi le scuole

Ecco come cambiano le regole in Veneto a partire da martedì.

Domani i negozi, poi le scuole

03/04/2021 - 15:58

Da domani, martedì 6, si torna in zona arancione. Si allentano le restrizioni rispetto al periodo di zona rossa. Altre invece rimarranno inalterate.

In zona arancione negozi, ed anche saloni di parrucchiere ed estetiste, sono aperti. Chiaramente dovranno sempre rispettare tutte le regole anti-contagio, quindi con limitazioni agli ingressi e con l’obbligo di utilizzare la mascherina.

Restano chiusi al pubblico bar e ristoranti, e possono lavorare solo con i servizi di asporto e consegna a domicilio.

Resta il coprifuoco dalle 22 alle 5. Gli spostamenti concessi, anche quelli delle deroghe, potranno infatti essere effettuati a partire dalle 5 del mattino fino alle 22.

Scuole d'infanzia, scuole elementari e scuole medie restano aperte. Le scuole superiori sono in didattica a distanza al 50%. Le classi dunque vanno a scuola in presenza a rotazione: per l'altra metà del tempo, secondo l'organizzazione che mette in atto ogni scuola, studiano in didattica a distanza.

In zona arancione ammessi gli spostamenti all’interno del Comune, mentre in zona rossa non era permesso. Per uscire dal Comune, invece, è necessario avere delle ragioni legate al lavoro, alla salute o alla necessità. Non è possibile spostarsi tra regioni.

Sempre all’interno del proprio Comune, è permesso spostarsi per fare visita ad amici e parenti. Rimane valido il limite di due persone non conviventi che è possibile ospitare nelle case private. Non rientrano però nel conteggio gli under 14 e le persone affette da disabilità o non autosufficienti. Per le visite ad amici e parenti resta sempre in vigore anche il vincolo del coprifuoco: ci si potrà spostare solo tra le 5 del mattino e le 22 di sera.

Sono consentiti gli spostamenti tra Comuni a chi si trova in zona arancione, ma vive in un Comune con meno di 5 mila abitanti: sarà concesso spostarsi in un raggio di 30 chilometri, indipendentemente dai confini comunali. Non ci si potrà comunque recare verso i capoluoghi. Per ricapitolare, gli spostamenti tra Comuni consentiti nei giorni di zona arancione sono quelli che si effettuano per lavoro, salute o urgenza; quelli di chi vive in un Comune con meno di 5 mila abitanti, entro il raggio di 30 chilometri.

 In zona arancione per l’attività motoria, come una passeggiata, ci si potrà spostare liberamente all'interno del proprio Comune.

I centri commerciali vengono chiusi nei festivi e prefestivi. In questi stessi giorni però, all’interno dei centri commerciali, restano aperti i punti vendita di beni di prima necessità: supermercati, farmacie, parafarmacie, tabaccherie ed edicole.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl