you reporter

zona rossa

Pasqua con chi vuoi, ma in pochi

Ecco le regole da rispettare: possibili visite ad amici, ma una sola volta e in due persone. Spostamenti limitati, messe ok.

Pasqua con chi vuoi, ma in pochi

Per il secondo anno di fila sarà una Pasqua con restrizioni da pandemia. Una zona rossa su tutto il territorio nazionale e che durerà fino a domani giorno di Pasquetta. Da martedì 6 aprile il Veneto sarà in zona arancione. Cosa si potrà dunque fare durante le festività pasquali? Ecco un veloce vademecum.

Oggi e domani il decreto in vigore consente un allentamento dei divieti della zona rossa. Andare a trovare parenti o amici lo si potrà fare ma verso una sola abitazione, una sola volta al giorno, al massimo in due persone oltre ai figli minori di 14 anni o ai disabili o non autosufficienti conviventi.

In base alla normativa in vigore nel periodo pasquale, a pranzo per Pasqua, oltre alle persone che vivono in una casa, ce ne potranno essere solo altre due in più, più eventuali figli minori o disabili o persone non autosufficienti.

Locali chiusi, sia bar che ristoranti, come negli altri giorni di zona rossa e arancione. Resta consentito l’asport entro le 22, quando poi scatta il coprifuoco. Consentito anche il delivery, entro lo stesso orario, ovvero farsi consegnare il pranzo o la cena a casa.

Andare a messa è possibile, il decreto prevede che in zona rossa è consentito raggiungere la chiesa o il luogo di culto più vicino a casa. Naturalmente, all’interno della chiesa devono essere fatte rispettare le norme per il distanziamento delle persone. Vietato scambiarsi il segno della pace.

 Come l’anno scorso Pasquetta sarà senza pic nic o gita fuori porta. Niente picnic, insomma, a meno che non lo si faccia nel proprio giardino e con i soli parenti conviventi o nei limiti di persone previsti dal decreto.

Gli spostamenti consentiti sono solo quelli nelle immediate vicinanze della propria abitazione. Idem per le passeggiate idem. Mentre per fare jogging si può andare anche più lontano, ma sempre individualmente e rispettando le regole sul distanziamento.

Oggi, giorno di Pasqua sono aperte le edicole (generalmente solo al mattino) e le farmacie di turno. Il giorno di Pasquetta potranno tenere aperto alcuni gruppi della grande distribuzione. Gli altri negozi, come negli altri giorni di zona rossa, sono chiusi.

Possibile raggiungere le seconde case, anche fuori regione, purché ci si vada solo con il proprio nucleo familiare e nella seconda casa non viva nessun altro. Deve essere una casa di proprietà o presa in affitto per un periodo medio-lungo (non solo per il weekend pasquale, per intenderci). Attenzione poi ad alcune ordinanze regionali. Ci sono regioni che hanno vietato anche questo tipo di spostamenti. E’ il caso dell'Alto Adige, Val d'Aosta, Toscana, Sardegna e Liguria.

In questi giorni è possibile andare in alcuni Paesi stranieri per un periodo di vacanza. Il governo italiano ha però introdotto una serie di rigorose limitazioni in vigore dal 31 marzo al 6 aprile: obbligo di tampone prima di partire per un Paese dell’Unione Europea, e di 5 giorni di quarantena al ritorno, con successivo tampone finale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl