you reporter

ROVIGO

Lavori promessi e mai fatti, il Comune incassa

Ecco 350mila euro per il mancato prolungamento di via De Polzer, e 120mila per lavori mai fatti a Buso

Lavori promessi e mai fatti, il Comune incassa

29/11/2021 - 19:18

Quasi mezzo milione di euro che il Comune si prepara ad incassare. Soldi derivanti dall’escussione delle garanzie per opere pubbliche non realizzate nel quadro dei Piruea. Ancora gli strumenti urbanistici attivato dal Comune una quindicina di anni fa, dunque. Ma questa volta il Piruea non diventa sinonimo di flop e di soldi fantasma, ma di risorse che il Comune si prepara ad incassare.

Le due voci attive per le casse di palazzo Nodari saranno fra i punti all’ordine del giorno al consiglio comunale di oggi, che dovrà approvare alcune variazioni di bilancio, che saranno spiegate dall’assessore Pavanello. Fra queste proprio il benvenuto ai soldi dalle fidejussioni da Piruea. Nello specifico si tratta di 353mila euro derivanti dall’escussione per la polizza del Piruea di via De Polzer e di circa 120mila euro per il Piruea di via Ippolito Nievo a Buso.

Palazzo Nodari, quindi, è riuscito ad andare fino in fondo per la soluzione di questi due Piruea non terminati. Quello di via De Polzer, mai partito e naufragato da tempo, riguardava un’opera nel quartiere Commenda. il soggetto titolare del Piruea era la ditta 6M (società dei famigliari dell’ex vicesindaco Flavio Mancin) poi coinvolta in un fallimento. L’opera speciale doveva consistere nella realizzazione del prolungamento della stessa via De Polzer per collegarla con via della Costituzione, un lavoro da oltre 300mila euro. In cambio l’impresa aveva ottenuto la possibilità di costruire appartamenti per ospitare 75 residenti. Lo strumento urbanistico, come in molti altri casi, si è rivelato un incompiuta, come dimostra che il prolungamento di via De Polzer non è mai nemmeno iniziato. Anzi, in questo caso il mancato completamento aveva lasciato in eredità mille problemi, di degrado e incuria, proprio nell’aria fra via De Polzer e via Buffetti dove anche le palazzine sono rimaste a metà.

Per questa eterna incompiuta ora il Comune incassa poco meno di 350mila euro che potrebbe utilizzare per fare l’opera mai realizzata, oppure potrebbe destinare ad altri lavori pubblici. Da ricordare che i Piruea sono strumenti urbanistici per realizzare opere pubbliche in compartecipazione con i privati in cambio di interventi di edilizia residenziale. Una quindicina di anni fa ne furono attivati una quindicina. Alcuni realizzati, molti naufragati o in grave ritardo. La normativa prevedeva che per impedire che questi buchi nell’acqua si trasformassero in buchi di bilancio, o di programma, le aziende private depositassero delle somme a garanzia, con le quali l’amministrazione avrebbe potuto realizzare l’opera pubblica in questione in caso di inadempienza del privato. Ed è quello che è stato fatto con i due Piruea che arriveranno oggi in consiglio.

L’altro Piruea mai completato è per il quale il Comune incassa circa 120mila euro è quello relativo a via Ippolito Nievo a Buso dove l’opera speciale dell’azienda avrebbe dovuto portare alla realizzazione di una pista ciclabile tra la frazione e San Sisto, e la sistemazione del marciapiede.

Pochi giorni fa, invece, Il Comune ha incaricato un avvocato di studiare il modo per entrare in possesso delle garanzie che avrebbero dovuto essere depositate per il Piruea legato alla riqualificazione di piazza Duomo. Il Comune ha constatato l’inadempimento da parte della ditta che non ha realizzato l’opera pubblica, e l’inesistenza di somme a garanzia. E per risalire alle responsabilità ha incaricatolo studio legale di Vicenza.

“Stiamo effettuando una piena ricognizione sui Piruea - commenta il sindaco Gaffeo - ci sono diverse situazioni, anche complicate, da sistemare”. E sempre oggi in consiglio ci saranno variazioni di bilancio relative ad altri movimenti messi a punto dagli uffici guidati dall’assessore Andrea Pavanello: “Oltre ai Piruea ci sono risorse per la manutenzione di edifici scolastici, strade dell’ex forno, circa 200mila euro. Inoltre occorre mettere a bilancio i 180 mila euro per la ciclabile di via Maffei. E poi alcuni spostamenti come 150mila euro di somme Covid destinati ai servizi sociali”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

La Voce di Natale
Natale con i nostri TESORI

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl