Cerca

ROVIGO

Nasce lo sportello per trans e transgender

Dedicato a loro, ma anche a familiari e amici, un passo avanti importante

Nasce lo sportello per trans e transgender

Rovigo si arricchisce di un servizio per le persone trans, transgender e gender non conforming: il Sat Pink di Verona e Padova, Servizio Accoglienza Trans che da, oltre dieci anni, è presente sul territorio del Veneto, apre un nuovo punto di ascolto presso la sede Arcigay Politropia di Rovigo, in Corso del Popolo 183.

"Il Sat Pink - spiega la nota stampa - è gestito da persone provenienti da vari contesti culturali e con diversi percorsi di studio, di lavoro e di specializzazione. I/le volontari/e sono stati/e, grazie ad un corso di formazione e a un tirocinio, preparati/e a dare ascolto alle problematiche relative all'identità di genere di coloro che si rivolgono al servizio, garantendo rispetto e privacy".

"Il Servizio garantisce eventuale orientamento ed informazioni, sia alle persone trans/transgender, ma anche a loro parenti, familiari e amici, colleghi, insegnanti, accoglienza psicologica, inizio del trattamento ormonale sostitutivo, assistenza legale, gruppi di auto mutuo aiuto (sia per persone trans che per i loro genitori), sportello di avviamento al lavoro".

"Il Servizio, negli anni, ha stipulato convenzioni e collaborazioni con gli Ospedali di Verona, Brescia e Padova nonché è riconosciuto come Associazione di Settore dall’Istituto Superiore di Sanità. È sempre più spesso coinvolto in eventi formativi sulla tematica trans presso scuole, consultori, cooperative, luoghi di lavoro, corsi di specializzazione. Lo sportello Sat Pink di Rovigo verrà inaugurato Sabato 5 febbraio e sarà aperto ogni Sabato dalle ore 10.00 alle ore 12.00".

"A gestirlo saranno operatori e operatrici qualificati/e che già da qualche mese stanno attivamente collaborando nelle sedi di Padova e Verona. Sin dalla sua apertura, nel 2011, il Sat Pink ha registrato immediatamente una considerevole affluenza, a riprova dell’importanza e della necessità di un tale servizio sul territorio del Veneto".

"Negli ultimi anni, molte sono state le richieste provenienti anche dal Polesine e, da qui, l’esigenza di aprire un punto anche a Rovigo, per poter raggiungere e soddisfare le richieste di chi proviene da queste zone. Lo sportello di Rovigo è già in grado di proporre il
medesimo tipo di offerta di servizi, accoglienza e assistenza di quelli di Verona e di Padova. I e le volontari/e di Rovigo fanno parte di Arcigay Politropia, realtà che nel territorio rodigino è presente da quasi quindici anni e che opera su più livelli".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy