you reporter

LUSIA

Rilancio delle attività, il Comune c’è

Concessioni di occupazione del suolo pubblico a prezzo simbolico e agevolato a esercizi pubblici e artigianali. Il sindaco Luca Prando: “Abbiamo ritenuto di dare l’opportunità anche quest’anno”.

Rilancio delle attività, il Comune c’è

01/05/2022 - 10:15

Il comune di Lusia aiuta pubblici esercizi e attività artigianali rilasciando temporanee concessioni di occupazione del suolo pubblico a prezzo simbolico e agevolato al fine di favorire il rilancio dell’economia locale e il distanziamento sociale.

Nonostante la dichiarata fine dello stato di emergenza da parte del Consiglio dei Ministri a partire dal mese di aprile, il comune di Lusia intende continuare a dare una mano alla popolazione e, in questo caso, in particolare ai titolari di esercizi pubblici, attività economiche e culturali concedendo l’occupazione di porzioni di suolo pubblico a prezzi del tutto favorevoli con decorrenza dal primo maggio fino al 30 settembre.

Le occupazioni sino a 50 metri quadrati hanno il prezzo di 50 euro per il periodo considerato, occupazioni da 50 a 100 metri quadrati 100 euro e infine le occupazioni superiori a 100 metri quadrati hanno il prezzo di 200 euro.

Per usufruire dell’aiuto sarà necessario presentare domanda all’ufficio tecnico del comune tramite pec all’indirizzo areatecnicalusia@legalmail.it corredata di carta di identità del richiedente, descrizione o rappresentazione dell’occupazione in deroga ossia la planimetria dettagliata dell’occupazione e anche l’assenso del proprietario o titolare dei locali limitrofi qualora le occupazioni si estendano anche sul fronte di tali locali.

L'istanza è chiaramente soggetta ad autorizzazione che verrà rilasciata dall’ufficio tecnico, previo parere del comando di polizia locale, entro 15 giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta di occupazione suolo pubblico.

“Si tratta di tariffe simboliche - spiega il sindaco di Lusia Luca Prando - nel senso che lo stato di emergenza è ufficialmente finito ma le attività sono comunque in ginocchio. Dare una mano alle attività è stato importante in questi mesi e ora abbiamo decretato di non dover gravare ulteriormente sulle aziende e abbiamo dunque ritenuto di dare ancora l’opportunità anche quest’anno e chiedere una cifra simbolica per l’occupazione del suolo pubblico per le attività; è una cifra simbolica che il comune è stato comunque tenuto a chiedere, non era più possibile concedere il suolo a titolo gratuito vista la fine dello stato di emergenza”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Natale con i nostri TESORI
Polesine i nostri primi 70 anni

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl