you reporter

Adria

Il cibo, quando è essenziale e quando diventa bullismo

Tobia Gobbi: “I media esercitano una forte influenza sugli aspetti della vita individuale e collettiva”

Il cibo, quando è essenziale e quando diventa bullismo

10/05/2022 - 13:25

Il cibo come bene vitale, ma anche oggetto di consumismo; il cibo come espressione di libertà, ma usato anche come strumento ricattatorio; il cibo per soddisfare le gioie del palato, ma anche trasformato in decorazione; il cibo per mangiare senza fame, ma anche negato a chi ha fame. “Il cibo in tante e a volte contraddittorie declinazioni” è stato il filo conduttore della lezione tenuta ieri mattina all’alberghiero Cipriani da Tobia Gobbi, medico chirurgo ma anche esperto e abile divulgatore. Tema dell’incontro “Meta-bullismo” con una domanda inquietante, “Il cibo ci sta rovinando?”, presentato a due scolaresche di quinta, una enogastronomia, l’altra di sala, mentre gli altri studenti potranno rivedere la videoconferenza nella pagina facebook dell’istituto. L’iniziativa rientra nel progetto “Il valore smart della comunità e del suo territorio” promosso da Cna con il sostegno della Camera di commercio in collaborazione con il comune.

L’incontro è stato aperto dal saluto del sindaco Omar Barbierato mentre la dirigente del Cipriani Lorenza Fogagnolo ha ricordato “il valore della formazione sia dal punto di vista strettamente didattico sia nell’esperienza lavorativa ma anche con approfondimenti come quelli offerti da Gobbi, ormai di casa all’alberghiero”. Per la Cna è intervenuto Samuele Frigato presidente della categoria alimentare apprezzando “questa sinergia con la scuola perché è occasione di formazione anche per noi imprenditori e voi studenti domani sarete nostri collaboratori e colleghi”.

Da parte Franco Cestonaro, funzionario Cna che porta avanti il progetto, ha evidenziato l’interesse che “il progetto ha suscitato in tutti i soggetti coinvolti che porta a esaltare le tante eccellenze, materiali e professionali, che il territorio offre avendo come obiettivo la sostenibilità”.

In tutto questo un ruolo sempre più importante è svolto dai media e ancor più dai social. Allora Gobbi avverte che “all’interno della moderna cultura occidentale, la rilevanza dei messaggi impliciti ed espliciti trasmessi dai media, esercita una indubbia influenza in molti aspetti della vita dei singoli individui e dei gruppi: dalla concezione del corpo alle rappresentazioni dello stesso, ai processi di identificazione di genere e molto altro ancora”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Natale con i nostri TESORI
Polesine i nostri primi 70 anni

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl