Cerca

TRIBUNALE

Porno ricatto ai preti, 20enni arrestati e condannati

Avrebbero cercato di estorcere soldi ai religiosi, minacciando di divulgare foto e chat

Porno ricatto ai preti, 20enni arrestati e condannati

La richiesta era diretta, dura e molto chiara: "Soldi o divulghiamo foto e chat compromettenti". Questo il ricatto che due giovani, una coppia, lei della bassa padovana, lui di Rovigo, entrambi di 22 anni, avrebbero ordito ai danni di almeno due parroci. Che, però, non ci sono caduti: dopo un primo, modesto pagamento, alle ulteriori richieste di soldi hanno reagito con una denuncia ai carabinieri. I due ragazzi sono stati prima arrestati, quindi condannati. Lei a 4 anni e 4 mesi, lui a 3 anni e 4 mesi.

A quanto ricostruito nel corso delle indagini e del dibattimento, la ragazza si presentava ai religiosi, uno della Bassa Padovana, uno della Lessinia, nel Veronese, spiegando di essere una ragazza madre, paventando una situazione molto difficile e chiedendo aiuto. Quindi, venivano organizzati incontri al bar. Una volta ottenuta confidenza, sarebbe entrato in gioco il complice: avrebbe scattato foto, mentre la giovane conservava le chat intercorse con i due religiosi. Insomma, un tranello sessuale, ordito per estorcere qualche migliaio di euro.

Non è andata, tuttavia, come i due 22enne si aspettavano. Uno dei due religiosi, infatti, dopo avere consegnato 350 euro per il "silenzio", alla richiesta di aggiungerne 10mila aveva presentato denuncia. L'altro, invece, inizialmente avrebbe consegnato circa 500 euro, poi, sentendosene domandare 3mila, pure si era rivolto ai carabinieri.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy