you reporter

Adria, progetto Borgo antico <br/> regna sovrana la confusione

43225

03/07/2015 - 12:15

di Luigi Ingegneri

ADRIA - E’ ancora presto per mettere la parola fine sulla complessa e tormentata vicenda del progetto “Adria borgo autentico nelle terre dei grandi fiumi”.

Come anticipato dalla “Voce” nei giorni scorsi, si apre un contenzioso da 60mila tra amministrazione comunale e associazione Borghi autentici d’Italia (Bai) che ha realizzato il progetto: un braccio di ferro sul quale la Bai non intende cedere ed è pronta a portare il comune in tribunale.

In attesa di conoscere quanto deciso dalla giunta nei giorni scorsi, interviene per la prima volta l’assessore al turismo Patrizia Osti: "A conclusione dell’istruttoria predisposta dagli uffici, alla Bai a chiusura del progetto, il comune ha riconosciuto costi sostenuti per un importo di 233.705,05 euro totalmente pagati, mentre il progetto iniziale prevedeva una spesa di circa 300mila: la differenza di circa 60mila non può essere riconosciuta”.

Va ricordato che di questi 300mila, ben 104mila sono stati presi direttamente dalle casse comunali, mentre gli altri sono arrivati dal finanziamento europeo. A conferma di quanto anticipato dalla “Voce”, l’assessore ribadisce che la Bai “si è riservata di approfondire le comunicazioni comunali di non esigibilità”.

“Mi auguro - sottolinea Osti - che il risultato di questa attività finanziata da Avepa, possa trovare tra il Comune di Adria e la Bai una convergenza positiva su quanto potrebbe nascere da un contenzioso attivo e passivo”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl