you reporter

Adria, per la Casa di riposo è scontro totale

Adria

71072

La Casa di riposo di Adria

12/02/2017 - 07:00

E' sempre più caotica la situazione della Casa di riposto di Adria, che sta diventando giorno dopo giorno una polveriera. Direttore e dipendenti l'uno contro l'altro, sindacati pronti allo sciopero, evento, sia pur legittimo, mai visto da queste parti. E l'assessore ai servizi sociali Patrizia Osti che tenta di intromettersi e subito riceve una severa reprimenda da parte della presidente Sandra Passadore. Luca Cantarutti, infine, che sollecita presidente e cda a farla finita e dimettersi.



E' questo il clima in cui ci si avvia per il consiglio comunale del 23 febbraio quando la presidente Passadore sarà chiamata a relazionare nel civico consesso. Nella giornata di sabato 11 febbraio la presidente si è tolta qualche sassolino nei confronti dell'assessore. "Mi dispiace apprendere dal giornale - sbotta - che l’assessore non viene coinvolta, sarebbe bene che verificasse il protocollo del Comune al quale sono state mandate via pec diverse richieste di incontro".



Non mancano, invece, le parole di fuoco del consigliere comunale Luca Azzano Cantarutti, leader di Indipendenza noi Veneto che si scaglia contro presidente e cda per "la situazione ormai intollerabile che si è venuta a creare alla Casa di riposo, a causa delle scelte di questo cda che si rivelano ogni giorno più scellerate, dopo aver perso tutte le opportunità che lo stesso cda, presidente in testa, avevano indicato e i finanziamenti concessi dalla Regione, ora arriva la nomina del nuovo direttore che ha prodotto un grave stato di agitazione nel personale".



Il servizio completo in edicola nella Voce di domenica 12 febbraio

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl