you reporter

Valdastico, "no" di Delrio<br/>Isi Coppola furiosa

valdastico[2].JPG

Coppola con Zaia, Lupi e Tosi all'inaugurazione della Valdastico

“Il ministro del nulla. Mettere al ministero delle infrastrutture un ex sindaco che pare avere la visione strategica di un monocolo è l’ennesima conquista di questo governo Renzi, sempre più spilorcio e miope nei confronti del Veneto”. E’ una furia Isi Coppola, l’assessore regionale alle infrastrutture e i trasporti, sulle recenti dichiarazioni del ministro Graziano Delrio sulla autostrada A31, la Valdastico.
Coppola definisce “penose” le parole del ministro in risposta ad un’interrogazione parlamentare di mercoledì. E anche il governatore del Veneto, Luca Zaia, non scherza. “E’ bastato cambiare ministro e la prosecuzione dell’autostrada Valdastico a nord è sparita dai programmi governativi".
Isi Coppola prosegue ricordando come “questo ministro ‘innovatore’ è quello che ha fatto approvare un ‘allegato infrastrutture’ al Def che consta di sole 28 opere, parte delle quali già in avanzato stato di realizzazione e alcune già addirittura concluse, facendo carne di porco del precedente allegato, già approvato e recepito che, pur avendo rango di legge è stato di fatto abrogato e con esso circa 400 opere, delle quali una quarantina in Veneto”.
“Con esse, d’incanto, sono state fatte sparire decine di procedure amministrative e disattesi impegni economici che espongono le amministrazioni a pericolosi contenziosi e richieste di danni milionarie - aggiunge Coppola - con questo atteggiamento è riuscito a portare la Commissione infrastrutture della Conferenza delle Regioni all’unanimità, a richiedere un incontro urgente per ripristinare buona parte di quelle opere. Rispolverare la storica validità del veto, molto presunto, della Provincia di Trento sulla realizzazione dell’opera è la volontà colpevole di non realizzare un opera che da tempo immemore figura tra quelle strategiche per il territorio. E’ l’ennesima riprova dell’inutilità dannosa delle province autonome e delle regioni a statuto speciale, che si fanno belle con i soldi nostri e poi bloccano opere per noi necessarie”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl