Cerca

Diga sull'Adige <br/> Fantato dice ancora "no"

Badia Polesine

41503

L'Adige in località Rosta a Badia, dove dovrebbe sorgere la diga

Il sindaco si schiera contro la ditta proponente che ha presentato ricorso
Il comune di Badia ribadisce il suo no alla diga sull’Adige. Il sindaco Gastone Fantato, infatti, prende nuovamente posizione contro l’opera, che dovrebbe interrompere il regolare corso del fiume fra i territori di Castelbaldo, Terrazzo e Badia, dopo che la ditta proponente, la Lagarina Hydrosrl, ha fatto ricorso chiedendo l’annullamento dei pareri negativi espressi dall’Autorità di Bacino del fiume Adige, dalla commissione tecnica regionale e del genio civile di Rovigo. Le richieste della ditta non si fermano qui: viene chiesto anche l’annullamento della delibera di giunta regionale del maggio 2013, che disciplina l’iter da seguire per valutare progetti simili. “Si tratta di un’opera pericolosa per il territorio - spiega però il sindaco di Badia - perché comporta numerosi rischi di tipo idraulico ed ambientale, in particolare per l’approvvigionamento idrico del settore agricolo e per l’uso potabile dell’acqua".

Il servizio completo in edicola nella Voce di lunedì 18 gennaio
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy