you reporter

In consiglio Pfas, Consulta della famiglia e fusione Polacque-Cvs

Lendinara

consiglio comunale lendinara 2017.jpg

Il consiglio comunale di Lendinara

Controlli sull’acqua erogata nelle strutture comunali per scongiurare la presenza di Pfas e un’apertura della Consulta della famiglia, ferma al palo da due anni, anche alle realtà di unione non basate sul matrimonio.



Sono queste le richieste che arrivano dal Partito democratico, che ha deciso di presentare tre question time, attesi in discussione nella seduta del consiglio comunale di lunedì 27 marzo pomeriggio. Il primo tema, preso in considerazione dal gruppo guidato dal consigliere Stefano Borile, è quello dell’inquinamento da Pfas, vale a dire da sostanze perfluoro alchiliche, e la loro eventuale presenza nelle acque potabili delle strutture comunali. Quindi il Pd torna a chiedere, come già fatto due anni fa, che la Consulta della famiglia possa essere aperta anche a quelle realtà di unione che non si basano sul matrimonio, slegando l’organismo dall’articolo 29 della Costituzione che invece recita “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”.



In consiglio, inoltre, approderà la delibera sulla fusione tra Polesine Acque e Cvs, quindi il regolamento del Comitato di gestione del Ballarin e la soppressione della Commissione edilizia.



Il servizio completo in edicola nella Voce di lunedì 27 marzo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl