Cerca

Santuario, la facciata ritrova il suo antico splendore

Lavori pubblici

75500
Dopo sette mesi di restauro, ieri le impalcature sono state rimosse dalla facciata del Pilastrello. L'intervento si è svolto in due fasi e ha rimesso a nuovo mattoni, statue e intonaco.
La facciata della basilica di Lendinara ha ritrovato il suo antico splendore. Dopo circa sette mesi di restauro, ieri le impalcature sono state rimosse, permettendo a fedeli e cittadini di ammirare la bellezza delle pietre rimesse a nuovo.



I lavori di restauro si sono svolti in due fasi, sotto l'occhio vigile dell'architetto Bruno Martini di Padova, a cui era stata affidata la progettazione dell'intervento.



In un primo momento, la ditta incaricata si è dedicata alla messa in sicurezza di alcuni elementi architettonici a rischio di deterioramento, come gli obelischi, le cornici e i cornicioni.



Le mani esperte degli operai si sono posate, poi, sui mattoni facciavista e sugli elementi in pietra del rosone, provvedendo inoltre a risanare le crepe dell'intonaco. Anche le statue, danneggiate in più punti e ricoperte da uno strato di sporcizia, sono state rimesse a nuovo.



E ieri, finalmente, la facciata della Pilastrello, realizzata nel 1850, è tornata a brillare per la gioia non soltanto dei numerosi fedeli e pellegrini che ogni giorno entrano a pregare, ma anche dei lendinaresi affezionati all'edificio sacro.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy