you reporter

Pugno di ferro contro gli accattoni

Badia Polesine

87945

Il sindaco Giovanni Rossi firma l'ordinanza

27/07/2017 - 10:01

L’amministrazione comunale di Badia Polesine mantiene fede al proprio programma elettorale e decide di usare il pugno di ferro per porre un freno ai disagi causati dall’accattonaggio molesto.



Lo ho ha annunciato ieri mattina lo stesso sindaco Giovanni Rossi nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del comandante della polizia municipale Natale Dallagà e degli assessori Antonietta Giacometti, Fabrizio Capuzzo, Valeria Targa, Stefano Baldo.



Nel corso dell’incontro è stata firmata una nuova ordinanza che vieta le attività di accattonaggio e mendicità in tutte le aree pubbliche del territorio badiese. L’esigenza di creare un provvedimento restrittivo era sorta già prima della campagna elettorale: nell’ultimo anno sono infatti aumentate le segnalazioni (nelle piazze e nelle vie cittadine, agli incroci stradali, dinanzi ai luoghi di culto ed alle attività commerciali) di fenomeni di accattonaggio in forma petulante e molesta o con l’impiego di minori, disabili e anziani.



“Tale attività presenta implicazioni nell’ambito della sicurezza urbana - spiega Giovanni Rossi - anche sotto il profilo del senso di degrado che tali manifestazioni comportano, del rischio per gli stessi mendicanti qualora si soffermino nel mezzo di intersezioni stradali, delle speculazioni che gravano sui soggetti deboli impiegati nell’accattonaggio. I mendicanti, importunando i passanti, generano percezione di insicurezza nei fruitori delle piazze e delle vie producendo comportamenti contrari al decoro ed alla pubblica decenza. Il più delle volte l’elemosina viene chiesta in maniera insistente pregiudicando la vivibilità urbana, la tranquillità delle persone e suscitando timore per possibili atteggiamenti ritorsivi”.



Il servizio sulla Voce del 27 luglio

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl