Cerca

Vigile urbano va in pensione, ma poco dopo muore

Badia Polesine

88083

Raffaello Cappellozza, 64 anni, ex agente di polizia locale

Colpito da aneurisma nel suo ultimo giorno di lavoro: i colleghi lo aspettavano per la festa. E’ mancato dopo otto mesi di agonia Raffaello Cappellozza, 64 anni, agente di polizia locale.
Il suo calvario era cominciato, fatalmente, nel suo ultimo giorno di lavoro. Doveva essere una giornata di festa, prima della meritata pensione, ed invece da quell’episodio non si è mai ripreso. L’altro ieri, nel centro di riabilitazione dell’Oic di Padova, in località La Mandria, è mancato dopo otto mesi di agonia Raffaello Cappellozza, 64 anni, storico e stimato agente di polizia locale. Cappellozza, che avrebbe compiuto 65 anni l’11 agosto, era residente a Masi e lavorava come agente nel Comune di Badia Polesine.



Lo scorso 28 novembre Cappellozza era chiamato al suo ultimo giorno di lavoro. Era dunque atteso in comando per quello che sarebbe dovuto essere un momento di festa con colleghi e superiori. Non vedendolo arrivare, cosa alquanto strana sia vista la circostanza, sia per la proverbiale puntualità del lavoratore, i colleghi hanno provato a contattarlo al cellulare. In quel momento è arrivata l’amara scoperta: il sessantaquattrenne era stato colpito da un aneurisma e ricoverato d’urgenza in ospedale a Rovigo.



Rimasto in coma per oltre un mese, lo sfortunato agente ha tentato la via della riabilitazione cambiando varie strutture ospedaliere: da Rovigo a Piacenza, passando per Parma, Montagnana e appunto Padova. In questi mesi le sue funzioni vitali sono andate sempre scemando, fino al tragico epilogo dell’altro ieri.



Cappellozza era molto conosciuto nella Bassa padovana e in Polesine: per decenni era stato agente di polizia in Comune a Masi, salvo poi rientrare nel corpo di polizia dell’Unione della Sculdascia e trasferirsi, per gli ultimi anni di lavoro, nella vicina Badia Polesine. Vedovo da quindici anni, lascia nel dolore la figlia Alice e le sorelle Marilena, ex sindaco di Masi, e Michela.



Il servizio sulla Voce del 28 luglio
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy