you reporter

Follia omicida nel Delta<br/>ecco l'analisi del dna

boccasette[1].JPG
Stesso dna, stesso corpo, stesso sadico omicida. Non ci sono più dubbi: le due gambe ritrovate nel delta a poche settimane di distanza appartenevano allo stesso corpo, quello di una giovane donna europea di circa 25 anni, uccisa e poi smembrata con una lama. Colpi probabilmente inferti non da una persona esperta, come ad esempio un medico, in quanto i due arti sono stati staccati nel punto dove l’osso della gamba è più resistente. Una persona esperta avrebbe praticato l’amputazione in un punto diverso.
Per ora le ricerche effettuate in diverse zone del delta hanno dato esito negativo. I cani da ricerca dei carabinieri hanno setacciato, in diversi momenti, le spiagge bassopolesane per rintracciare altri resti umani compatibili con le due gambe. Ma del resto del corpo non sono emersi elementi. E così il mistero delle due gambe resta tale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl