you reporter

Il futuro del turismo è in bici <br/> presentati tre percorsi all'Expo

Il progetto

47830

07/10/2015 - 12:30

MILANO - Tre itinerari cicloturistici che si sviluppano in altrettanti contesti di grande suggestione e bellezza sono stati presentati ieri nello stand del Veneto a Expo 2015 di Milano, dagli assessori regionali al territorio e ai parchi, Cristiano Corazzari e al turismo, Federico Caner. Con loro il sottosegretario ai beni ambientali, Barbara Degani, e il commissario straordinario del Parco del Delta del Po, Mauro Giovanni Viti.

“Le aree protette della nostra regione – ha detto Corazzari – sono dei veri e propri scrigni che custodiscono un inestimabile patrimonio naturalistico, ambientale, culturale e paesaggistico, ma rappresentano anche una fonte di ricchezza economica per intere comunità. Il turismo, proposto e organizzato in modo da non stravolgere questi delicati ambienti, è una risorsa preziosa e gli itinerari che oggi presentiamo sono la dimostrazione di come l’offerta di viaggio e di soggiorno in questi luoghi contempli la loro fruizione ma anche la loro salvaguardia”.

I tre percorsi ispirati a un “Turismo Slow nelle aree protette a parco” sono nati dalla collaborazione tra la Regione del Veneto, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e i tre Enti Parco e riguardano il Delta del Po, i Colli Euganei e le Dolomiti d’Ampezzo.

Per il Polesine, l’anello della Donzella a Porto Tolle, nel Delta del Po, da poco Riserva della Biosfera dell’Unesco, permette di visitare ambienti naturali pressoché intatti, come le golene del Po di Venezia e la grande Sacca di Scardovari.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl