you reporter

IL CASO

Con il "bonus cultura" compravano playstation, smartphone e computer. Nei guai centinaia di neodiciottenni

Individuati 2503 giovani di 14 regioni d'Italia, tutti denunciati dalla Guardia di Finanza

Con il "bonus cultura" compravano playstation, smartphone e computer. Nei guai centinaia di neodiciottenni

Al posto di libri e biglietti per mostre, concerti musei, con i bonus cultura di 500 euro molti neo diciottenni hanno acquistato a man bassa playstation, videogiochi e smartphone. I finanzieri della Compagnia di Jesi, coordinati dalla Procura della Repubblica di Ancona, ne hanno individuati 2.503, residenti in quattordici regioni d'Italia, nell'ambito di un'indagine denominata operazione "18APP". Tutti sono accusati di aver fruito illegalmente nel 2017 e 2018 dello specifico bonus cultura grazie ad una azienda che permetteva il raggiro della legge. 

L'importo complessivo della frode, perpetrata nell'arco dei due anni 2017 e 2018, è stato ricostruito in 939.000 euro. A pagare non sarà solo l'azienda che si è resa responsabile della vendita, ma anche i giovani che hanno usufruito impropriamente del bonus. Si sono resi responsabili della violazione amministrativa prevista dal secondo comma dell'articolo 316 ter del codice penale, che prevede il pagamento di una sanzione pari al triplo dell'importo indebitamente utilizzato.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • adriano tolomio

    17 Maggio 2020 - 13:01

    Se anche i politici pagassero il triplo del maltolto...

    Rispondi

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl