you reporter

ROVIGO

Incredibile tragedia, ucciso a 36 anni da un fulmine mentre pesca

L'incidente sul lago di Bolsena si porta via Gianni Rizzo, 36 anni, conosciutissimo in città

Incredibile tragedia, ucciso a 36 anni da un fulmine mentre pesca

Gianni Rizzo, 36 anni, di Rovigo

Una notizia che, in serata, lunedì 8 giugno, ha sconvolto Rovigo. Gianni Rizzo, 36 anni, rodigino, appassionato, di più, fenomeno della pescasportiva, imprenditore del settore, campione di livello mondiale, è morto in un incidente, tanto incredibile quanto tremendo, sul lago di Bolsena, uno degli scenari che preferiva per dedicarsi alla sua passione che, poi, era divenuta anche un lavoro: mentre, con un amico, stava pescando, in barca, è stato colpito da un fulmine.

La ricostruzione dell'accaduto è ancora in corso, a opera delle forze dell'ordine accorse sul posto. Tutto sarebbe accaduto nel Comune di Gradoli, nello specchio acqueo di fronte a un campeggio. Rizzo, secondo le attuali ricostruzioni, era impegnato in una sessione di pesca con una seconda persona. Il tutto veniva filmato. All'improvviso, un fulmine avrebbe colpito la canna in carbonio, scaricandosi lungo questa. Diverso il destino delle due persone a bordo: illeso, per quanto scosso, l'amico di Gianni, ucciso, invece, il rodigino.

I soccorsi non si sono fatti attendere, con anche l'elisoccorso immediatamente decollato, ma, purtroppo, non c'è stato nulla da fare. La notizia si è sparsa prima tra gli appassionati di pesca, quindi in città. Un passaparola normale, se si pensa che, appunto, Gianni era una figura di rilievo mondiale nel mondo della pesca. Il tam tam è cominciato prima sui siti specializzati, quindi ha raggiunto la città, incredula di fronte a una tragedia di questa portata.

Sulla bacheca Facebook di Gianni, immediatamente, attestati di cordoglio e di ammirazione da parte di gruppi di pesca da tutte le parti d'Italia. "Tutto il mondo del Bass Fishing si stringe attorno alla famiglia e a gli amici più cari per la scomparsa di Gianni.
Abbiamo poche parole per commentare una tragedia del genere - è il tenore di uno dei messaggi - 36 anni di vitalità e passione, interrotti bruscamente da un fulmine proprio in uno dei suoi spot di pesca preferiti, il lago di Bolsena, durante le riprese video di pesca al suo amato verdone. Titolare di una delle aziende di pesca sportiva più vitali del momento, Gianni ha dato tutto per la promozione e la divulgazione del Bass Fishing in Italia, e la sua perdita sarà incolmabile.
In questi momenti, dentro di noi, c'è sempre la speranza che 'dopo' ci sia comunque qualcosa; ci piace pensare che Gianni continui a collezionare quote record di super Big, guardandoci da lassù e sorridendo dei nostri cappotti. Ciao Janni".

"La nostra azienda e tutto il nostro Staff - comunica invece il post di Zephyrus, a testimonianza del livello di eccellenza che, in questo sport, aveva raggiunto il giovane rodigino - si uniscono all’immenso dolore della famiglia dell'amico Gianni Rizzo. Non dimenticheremo mai la tua disponibilità e la tua gentilezza nelle nostre telefonate... Eri sempre pronto ad ascoltare e a darci il giusto consiglio... Resterai sempre nei nostri cuori".

Tanti ricordi che restituiscono l'immagine di un ragazzo che aveva fatto della sua passione un lavoro, raggiungendo i massimi livelli di eccellenza. In città, Gianni e i suo genitori erano conosciuti anche come proprietari della bottega di frutta e verdura che si trova in Commenda.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl