you reporter

OMICIDIO A ROVIGO

Furiosa lite in famiglia, ammazzato a colpi di machete. Fermati figlio e compagna

Si erano dati alla fuga. L'uomo avrebbe cercato aiuto in strada

04/02/2021 - 23:01

Un unico colpo di machete, tremendo, devastante, che ha ucciso il 45enne Eddis Cavazza, originario di Medicina, nel Bolognese, residente nel campo nomadi di Sant'Apollinare. Proprio qui, verso le 19 di giovedì 4 febbraio, è scoppiata la follia. Una lite in famiglia, fino al colpo mortale che ha stroncato il 45enne. Il corpo è stato trovato a pochi passi dall'abitazione di una famiglia, come se l'uomo avesse cercato disperatamente di chiedere aiuto. 

Una prima ricostruzione vuole che l'uomo fosse appena arrivato, in auto, quando sarebbe cominciata una violenta lite col figlio, di 17 anni, che lo avrebbe colpito con il fendente mortale. Pochi passi, per cercare aiuto, e la morte. A quel punto, il figlio e la compagna sarebbe scappati con l'auto dell'uomo. Sono stati fermati non troppo lontano, in zona Adria, da un parente di lei.

Sono stati alcuni parenti a lanciare l'allarme. Il tutto sarebbe avvenuto alla presenza anche di alcuni bimbi, componenti del nucleo familiare. Dopo il delitto, il figlio di 17 anni si sarebbe appunto precipitosamente allontanato con la compagna sulla Opel Zafira del genitore, ma non è bastato questo per sfuggire alla serrata caccia all'uomo della polizia che ha bloccato la coppia a casa di un parente di lei. Sulla dinamica esatta impossibile avere certezze, così come su acclarate responsabilità. 

Recuperato un machete, se ne cerca un altro, probabilmente lanciato sull'argine del Canalbianco nel corso della fuga. Uno, comunque, secondo i primi riscontri, il colpo mortale. Sono in corso le indagini della squadra mobile guidata dal commissario capo Gianluca Gentiluomo, e coordinate dal pubblico ministero Maria Giulia Rizzo, accorso sul posto. In pieno svolgimento anche l'accurato sopralluogo da parte degli esperti della polizia scientifica di Rovigo che, dopo aver esaminato palmo a palmo la roulotte, teatro del culmine della lite, stanno esaminando il corpo alla ricerca di ogni reperto e ogni indizio utile. Al momento, i sospetti ricadono ovviamente sulle due persone fermate nel corso della fuga, ma non ci sono certezze. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl