you reporter

FEMMINICIDIO

Madre e figlia ammazzate dall'ex di lei. "Una strada per ricordarle"

L'iniziativa in occasione della Festa della donna. "Serve memoria"

Madre e figlia ammazzate dall'ex di lei. "Una strada per ricordarle"

Maria Ascarov e Rodica Munteanu, madre e figlia

08/03/2021 - 14:39

 Testimonianze di donne e uomini per riflettere sulla situazione e di come interagiscono questi due mondi, anche e soprattutto in questo lungo periodo di emergenza sanitaria. E' l'iniziativa promossa dall'amministrazione comunale, assessorato alle Pari Opportunità, in collaborazione con  la  II^ Commissione Consiliare e con la Commissione Pari Opportunità.

A partire da giovedì 11 marzo e in occasione della Festa della Donna, verranno fatte delle interviste per realizzare un video. Interviste a donne e uomini che parleranno di pari opportunità, portando testimonianze sulle problematiche reali e quotidiane della propria vita al tempo del Covid, sulla conciliazione dei tempi di lavoro, magari in smart working, con la famiglia. Donne, uomini, giovani, nonne e nonni, alle prese con le difficoltà quotidiane.

"Come organizzatrici dell'iniziativa – affermano l'assessore Erika Alberghini e la presidente della II^ Commissione Consiliare Benedetta Bagatin -  ci siamo interrogate sull'entità dell'impegno femminile che non emerge, e intendiamo coinvolgere anche gli uomini in questa riflessione. Attraverso le interviste emergerà un carico di lavoro maggiore per le donne? Rimangono loro il punto di riferimento per i figli o i nipoti a casa durante la DAD? Qualcuna di loro ha perso il proprio impiego come tante donne in questa fase? Sono aiutate dai compagni? Quanti e quali lavori e impegni sociali seguono le donne oggi, figure fondamentali non solo in famiglia ma anche nelle aziende e nel sociale? Riusciremo a far emergere questo mondo che si dà per scontato ma che invece va svelato? Invitiamo tutti a seguirci per scoprirlo”.

L’11 marzo vedrà la partecipazione in primis, delle consigliere comunali e della commissione Pari opportunità che hanno aderito. Tra le altre iniziative in programma per l'8 marzo, anche la proposta di intitolare una via a due donne vittime del femminicidio.

“L’8 marzo è una data che celebra i diritti delle donne. Le conquiste sociali, economiche e politiche ma anche la costante necessità di affermare una libertà ancora non concessa – afferma Alessandra Tozzi presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Rovigo - Libertà, prima di ogni cosa, dalla violenza, libertà di potersi autodeterminare e di poter essere indipendenti”.

E da qui nasce l'idea unanime della Commissione Pari Opportunità di proporre, in occasione della Festa Internazionale della Donna, l’intitolazione di una strada cittadina a Rodica Munteanu e Maria Ascarov, vittime di femminicidio, nell’anniversario dei 5 anni dalla loro scomparsa. Sono le due donne, madre e figlia, uccise a Fenil Del Turco, al rifugio della Lega del Cane, dal compagno della giovane. Un episodio che sconvolse il Polesine. Avvenne  nel febbraio del 2016.

“Serve memoria – conclude Tozzi -,e traccia dell’amore che queste due donne, di origine Moldava, hanno lasciato nella vita di chi le ha conosciute e ha condiviso parte del loro percorso, terminato prematuramente, nella nostra città. Memorie e tracce che consolidano l'idea di un 8 Marzo che continua anche dal 9 Marzo in poi.”

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl