you reporter

Il caso

Morì dopo aver rifiutato la chemioterapia, la famiglia fa ricorso in cassazione

I genitori erano stati rinviati a giudizio per omicidio colposo.

Morì dopo aver rifiutato la chemioterapia, la famiglia fa ricorso in cassazione

26/10/2018 - 10:10

I genitori di Eleonora Bottaro, la 18enne di Bagnoli di Sopra morta il 29 agosto 2016 dopo aver rifiutato la chemioterapia, hanno fatto ricorso in cassazione dopo che il decreto della corte d’appello li aveva rinviati a giudizio con l’accusa di omicidio colposo aggravato.

Lino Bottaro (fotografo molto noto anche in Polesine) e Rita Benini, subito dopo la morte della figlia erano stati iscritti nel registro degli indagati, per poi essere prosciolti dal gup Mariella Fino a Padova, “perché il fatto non costituisce reato”. Ma la procura di Padova aveva proposto appello alla decisione del giudice per l’udienza preliminare così la Corte di Appello di Venezia aveva rinviato a giudizio il fotografo e la moglie. 

Il 24 ottobre si sarebbe dovuta tenere la prima udienza. Ma l’avvocato della famiglia ha comunicato al giudice la richiesta di una sospensione del processo, in attesa che si esprima la Suprema Corte.

I Bottaro avevano osteggiato la terapia tradizionale per la figlia, che aveva iniziato a stare male a Natale 2015, firmandone le dimissioni dall’azienda ospedaliera di Padova.  Da quello che è emerso finora, i medici della Oncoematologia pediatrica, dove la ragazza era stata ricoverata ancora minorenne, avevano garantito l’80% di possibilità di guarigione se fosse stato osservato il protocollo ufficiale, lei preferì una clinica svizzera, dove fu trattata con cortisone e vitamina C, che purtroppo si sono rivelati inutili.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl