you reporter

Coldiretti

L'agriturismo Le Clementine incanta con la "Zena" a base di maiale

Grande partecipazione ieri sera all’iniziativa che, ormai da 25 anni, riunisce le istituzioni e la stampa all’insegna delle tradizioni e dei buoni propositi.

“Viviamo di nuovi progetti e ricordi”. Con queste parole Beppe Tomaini ha dato il benvenuto ai presenti, raccontando come venticinque anni fa è nata l’idea della "Zena dei ossi" e, ancor prima, dell’agriturismo, creato insieme a Luciana Vallese.

Una presentazione doverosa soprattutto perché, quest’anno, insieme ad alcuni veterani dell’evento, c’erano tanti volti nuovi tra le autorità locali. Dal nuovo prefetto Maddalena De Luca, al comandante provinciale della Guardia di Finanza, Dario Guarino, dal nuovo presidente della Provincia Ivan Dall’Ara, alla senatrice Roberta Toffanin ed all’onorevole Antonietta Giacometti, ma erano presenti anche il comandante provinciale dei Carabinieri Antonio Rizzi, il vice questore vicario Santi Allegra, il vice comandante provinciale della Guardia di Finanza Sebastiano Mario Rizzo, il vice prefetto Carmine Fruncillo, l’assessore regionale Cristiano Corazzari ed il direttore regionale di Coldiretti Pietro Piccioni.

Ad accogliere gli ospiti anche il direttore provinciale di Coldiretti, Silvio Parizzi: “Vedere così tanti volti nuovi rafforza lo spirito di collaborazione che la nostra associazione ha sempre garantito alle istituzioni del territorio. Cambiano gli attori ma rimane la disponibilità a fare sistema”.

Anche per il presidente provinciale di Coldiretti, Carlo Salvan, si trattava della prima volta all’Agriturismo Le Clementine: “Questo evento ci da la possibilità di instaurare un dialogo, ma soprattutto un dibattito ed un confronto costruttivo. Tra un anno, avremo modo di rivederci ed osservare che cosa saremo riusciti a costruire”. Il presidente ha poi lanciato un appello alle autorità: “Sostenete la nostra campagna per lo stop al cibo falso, aiutateci a smascherare gli inganni ed a valorizzare il lavoro degli imprenditori del territorio. I cittadini devono essere informati, non semplici consumatori, ma cittadini consapevoli, liberi di scegliere”.

Un appello accolto da molte autorità che proprio durante la serata hanno firmato la petizione, per ottenere l’obbligatorietà dell’indicazione d’origine per tutti i prodotti alimentari, che Coldiretti sta portando avanti in Europa. “Per quanto riguarda cereali e bieticoltura – ha sottolineato Salvan - meritano un’attenzione particolare, i dati non sono rassicuranti, ma non dimentichiamo la piaga della cimice asiatica che già dalla primavera tornerà ad essere una grave minaccia per la nostra frutticoltura”.

Se gli agricoltori sono chiamati oggi ad occuparsi dei sempre più numerosi fattori che influenzano l’attività produttiva, diventando veri e propri imprenditori, le istituzioni devono, inoltre, garantire supporto alle aziende in caso di avversità atmosferiche e maltempo, con il cambiamento climatico ormai evidente.

Diversi gli interventi dei presenti, tra cui anche quello di Cecilia Barison, delegata provinciale di Donne Impresa Coldiretti e produttrice macrobiotica di Lusia, che ha fornito alle Clementine i fagioli e le verze che hanno accompagnato sua maestà il maiale, protagonista della cena molta apprezzata anche dai neofiti. Tra tutti, il prefetto che ha ribadito: “Si coglie, gustando le portate, la passione e l’amore di chi le ha cucinate, ma anche la grande professionalità”.

A concludere l’intervento del direttore regionale di Coldiretti, Pietro Piccioni: “Vi chiedo di non lasciare che questa serata e questi buoni propositi rimangano nel cassetto da domani quando tutti riprenderemo a fare il nostro lavoro. Non lasciamo che le eccellenze del territorio e tante belle e virtuose esperienze restino solo delle chimere”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl