Cerca

Vuoti urbani

Uffici e associazioni all’ex Celio

Il sindaco annuncia: “Al piano terra spettacoli e convegni, sopra i Servizi sociali. Così risparmieremo 70mila euro l’anno”.

Uffici e associazioni all’ex Celio

Gli uffici del settore servizi sociali e gli spazi culturali dentro al vecchio liceo Celio, in via Badaloni. E’ l’idea a cui, in mancanza della giunta, sta lavorando il sindaco Bergamin con gli uffici comunali

“Il Comune di Rovigo - spiega Bergamin - ogni anno, spende circa 70mila euro di affitto per un edificio di 1.351 metri quadrati, in viale Trieste, dove sono dislocati i servizi sociali. Il primo e secondo piano del Celio comprendono 1.500 metri quadrati, funzionali quindi ad ospitare i nostri uffici e facendo risparmiare l’affitto all’amministrazione comunale e quindi a tutti i cittadini di Rovigo”.

Al piano terra dell’ex scuola, di 680 metri quadrati, potranno invece trovare collocazione, secondo il sindaco, le “associazioni culturali della città, con la bellissima e funzionale attrezzata aula magna dove poter realizzare spettacoli, convegni ed altre iniziative culturali”.

“Intendo, inoltre, restaurare anche il prezioso mosaico di Virgilio Milani che caratterizza la facciata e la storia dell’edificio - aggiunge il sindaco - I soldi per questa operazione saranno disponibili dopo l’approvazione, da parte del consiglio comunale, del bilancio previsionale che andremo a calendarizzare tra qualche giorno”.

Per riassumere: “Con questo progetto il Comune ci guadagna doppiamente: risparmia circa 70mila euro di affitto all’anno, e mette a disposizione della comunità un immobile di pregio situato in pieno centro storico. Una opportunità importante che ravviva Rovigo anche in vista della riapertura di palazzo Angeli”.

Ma un modo - si spera - anche per rivitalizzare via Badaloni, che è sempre più vuota e desolata. Al “buco nero” dell’ex caserma dei vigili del fuoco, da cui da un paio d’anni sono state allontanate anche le associazioni combattentistiche, che vi avevano la sede, si sono in poco tempo aggiunti altri due “fantasmi urbani”: si tratta dell’ex questure, trasferitasi nella primavera 2017 in viale Tre Martiri, e appunto dell’ex liceo, che dall’inizio di quest’anno scolastico è stato spostato in Commenda.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy