Cerca

Lega

Benetti revocato da commissario

Lunedì il partito decide sui provvedimenti disciplinari

Benetti revocato da commissario

Fabio Benetti revocato da commissario comunale della Lega. E’ arrivato ieri il primo provvedimento nei confronti dei leghisti che hanno decretato la caduta del sindaco Bergamin e la fine della sua amministrazione. In mattinata a Fabio Benetti è stato notificato i provvedimento che revoca il suo ruolo di commissario comunale del partito, non si tratta di una cancellazione tout court ma di una sorta di sospensione che nel Carroccio scatta quando un esponente con un incarico di partito è sottoposto ad accertamento disciplinare.

Me l’aspettavo - ha commentato Benetti - si tratta di una decisione scontata. Vediamo cosa succederà lunedì (domani ndr.) al direttivo nazionale”. Non è stato nominato alcun sostituto di Benetti proprio perché il suo ruolo è sub judice, sospeso fino alla decisione che sarà adottata domani alla riunione del direttivo nazionale, che nel gergo leghista significa regionale.

Gli scenari che si presentano sono svariarti: il partito padano potrebbe decidere di confermare la revoca di Benetti, nominando poi un nuovo commissario del Carroccio rodigino. Potrebbe poi lasciare tutto invariato, e a questo punto Benetti riprenderebbe il suo incarico. Infine la decisione più drastica, revocare il ruolo ed espellere, o sospendere, sia Benetti che gli altri sei consiglieri che giovedì scorso hanno firmato le dimissioni decretando la caduta dell’amministrazione Bergamin. Si tratta di Raule, Marsilio, Gabban, Zanotto e Denti.

I leghisti che hanno firmato le dimissioni giudicano “surreale” la possibilità che il partito decida di ricandidare Massimo Bergamin a sindaco. Anche se la voce continua a girare.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy