you reporter

Ceregnano

Rifiuti esplosivi, Polaris nei guai

Diffida della Provincia di Rovigo che, in un controllo alla Polaris, ha trovato un fusto con razzi e fuochi di segnalazione

Rifiuti esplosivi, Polaris nei guai

Diffida della Provincia di Rovigo nei confronti della Polaris per aver stoccato de rifiuti esplosivi senza alcuna autorizzazione. L'azienda, che ha sede a Ceregnano, gestisce un impianto di stoccaggio provvisorio di rifiuti speciali con selezione, raggruppamento e ricondizionamento preliminare di alcune tipologie degli stessi. Il dirigente del settore, Vanni Bellonzi, rispetto all'autorizzazione Aia che ha la Polaris, ha diffidato l'azienda che, durante un controllo ispettivo del Dipartimento territoriale di Rovigo, il 29 maggio scorso, è stata trovata con due fusti di rifiuti esplosivi (razzi e fuochi di segnalazione) in un box.

Dopo il controllo l'Arpav ha verificato la provenienza e le successive modalità di gestione messe in atto da Polaris per il regolare smaltimento di questi rifiuti esplosivi nell’impianto Esplodenti Sabino srl di Casalbordino in provincia di Chieti. Il dirigente delle Provincia ha sottolineato che la presenza di questi rifiuti e la modalità di stoccaggio rilevate non risultano conformi all'autorizzazione in possesso di Polaris, in quanto rifiuti pericolosi non autorizzati. Oltre alla sanzione che verrà cominata alla Polaris dalla Provincia, e la comunicazione all'autorità giudiziaria da parte dell'Arpav, la Provincia ha diffidato Polaris affinché rispetti l'autorizzazione Aia e presenti domanda di modifica della stessa alla Regione Veneto al fine di rendere conforme l’impianto allo stoccaggio di questo tipo di rifiuti. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl