you reporter

CORONAVIRUS IN ITALIA

Ecco l'identikit dei "Guerrieri" no vax: un panettiere, un custode, una commessa, una cuoca

Volevano sganciare tritolo con i droni sulla Camera e difendersi con lo spray al peperoncino. Fra loro anche alcuni operai e disoccupati

I “no pass” scendono in protesta anche a Rovigo

10/09/2021 - 11:09

Un panettiere, un custode, un’ex commessa, due operai, una cuoca. E una disoccupata di 51 anni in passato vicina agli indipendentisti veneti e a cui era stato revocato il porto d’armi per problemi psichiatrici. Questo è l’identikit di alcuni dei “Guerrieri” No vax che ieri sono finiti in una retata dell’antiterrorismo e della polizia postale. Perché in una chat su Telegram minacciavano di far saltare i furgoni delle televisioni con le molotov o di far esplodere il Parlamento usando dei droni.

Non si tratterebbe però di un progetto ma di farneticazioni, definite dagli inquirenti puro odio delirante. "Radere al suolo il Parlamento con tutti loro dentro – si legge nelle chat – basta un piccolo drone pilotato a distanza da uno dei tetti di Roma… un 500 grammi di tritolo e lo lasci cadere durante la seduta… e non rimarrebbero tracce".

Repubblica racconta oggi che l’istigatore numero uno dei “guerrieri”, riuniti sotto il simbolo della doppia V rossa dentro un cerchio (che sta per warriors, ma richiama anche V per Vendetta), è un 46enne milanese, Tommaso, che di mestiere fa il custode in un palazzo. È lui ad aver creato e amministrato il gruppo Telegram, ora chiuso, dove incitava alla ribellione violenta e all’uso delle armi. A casa sua sono stati trovati due tirapugni, lui stesso aveva messo le foto sui social pochi giorni fa, "il mio nuovo giocattolo". Da usare nelle piazze "perché non dobbiamo solo scrivere, ma fare qualcosa". Il 46enne pensava di comprare un tirapugni in armeria, ma al terzo rifiuto lo acquista "dagli zingari, quelli hanno tutto", scrive sul web.

L’altro amministratore del gruppo è milanese dell’hinterland, Francesco, 34 anni, operaio metalmeccanico. Da tempo la sua famiglia era molto preoccupata perché viveva solo su Internet, in un mondo virtuale parallelo. Sui suoi social comparivano manifesti con svastiche barrate e la scritta "No alla dittatura sanitaria", e incitava per lo più alla distruzione dei ripetitori 5G. Insieme a loro c’era anche Stefano, 53enne bergamasco, operaio, con un regolare porto d’armi e due pistole a casa. Nelle chat diceva di avere "dei gingilli a lungo raggio da provare". Mentre David, 45 anni, proprietario di un bar a Roma, incitava ad "azioni violente" e sul suo profilo Facebook ci sono scritte "No mask no Vax no green pass".

E ancora: a casa di Stefano, 33 anni, panettiere di Reggio Emilia sono stati trovati manganelli, una katana e spray al peperoncino. Infine le tre donne del gruppo. Ilaria, 43 anni, romana, ex commessa in un grande magazzino ora disoccupata; Lara, veneziana, 51 anni, è la simpatizzante secessionista: aveva un porto d’armi regolare ma nel 2019 le è stato revocato per ragioni di salute mentale. Infine ecco Sandra, padovana, 53 anni: lavora in una mensa aziendale e voleva tirare letame e uova addosso a Roberto Speranza in un appuntamento pubblico a Padova, il 2 settembre, al quale però il ministro ha dato forfait.

Credits Open

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 3
  • diduve

    10 Settembre 2021 - 12:12

    Porelli.. Fanno solo pieta'

    Rispondi

  • diduve

    10 Settembre 2021 - 12:12

    Porelli.. Fanno solo pieta'

    Rispondi

Mostra più commenti

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl