you reporter

SCUOLA

"Classi pollaio, poco personale e poca sicurezza": è sciopero

Domani, venerdì 10 dicembre, la protesta e l'astensione nazionale

“Lezioni online? Non siamo pronti”

09/12/2021 - 09:34

"Adesso basta, la scuola si ribella!". E’ la voce della scuola portata dal Segretario Provinciale del sindacato Snals Rita Bonfante. "La scuola è stanca di essere 'dimenticata' da una politica che fa solo proclami e poi non prevede nella finanziaria che sta per varare uno stanziamento sufficiente al rinnovo dignitoso del contratto di lavoro del personale della scuola; la scuola è stanca di una politica che getta sui lavoratori della scuola continue leggi che stravolgono il rapporto di lavoro e li obbliga a impegni gravosi e 'gratuiti' e li vincola per anni in sedi lontane dalle loro famiglie: nessun lavoratore né della pubblica amministrazione né del settore privato deve subire continue invasioni contrattuali come i lavoratori della scuola".

"La scuola non ne può più di avere classi 'pollaio' e di avere un organico di collaboratori scolastici tanto ridotto da mettere a repentaglio la sicurezza degli alunni venendo meno indispensabile vigilanza; La scuola è stufa di non avere concorsi a scadenza regolare che permetta una stabilizzazione del personale, soprattutto dei docenti ma anche dei direttori dei servizi".

Questi sono solo alcuni dei motivi per cui le organizzazioni sindacali Flc-Cgil, Gila-Unams, Snals-Confsal, Uil-Scuola hanno proclamato per venerdì 10 dicembre uno sciopero dell’intera giornata di tutto il personale della scuola, docente, educativo ed  Ata.  

Venerdì 10 ci sarà a Roma una manifestazione che si farà portavoce, viste le difficoltà di assembramento dovute alla pandemia, di tutti i lavoratori di tutte le province. "I lavoratori della scuola della provincia di Rovigo - riprende Rita Bonfante dello Snals - sono stati coinvolti, nei giorni scorsi, con assemblee sindacali che hanno dato loro modo di condividere e di esprimere il malumore e la scontentezza".

La sindacalista Bonfante Rita fa un appello a tutto il mondo della scuola affinché questo malumore sia reso palese con un’adesione massiccia a questo sciopero.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl