you reporter

Maltrattamenti al nido, ma la perizia non fa chiarezza

Ficarolo

97214
Strattoni, urla, rimproveri e punizioni umilianti: è questo il quadro ricostruito dalla procura di Rovigo su ciò che succedeva all'interno dell'asilo nido "Peter Pan" di Ficarolo.



Il caso era scoppiato a febbraio del 2015 quando due maestre e una ausiliaria erano state allontanate dal comune altopolesano con l'accusa di aver maltrattato i bambini di cui avrebbero dovuto prendersi cura.



In alcuni casi, secondo la ricostruzione del pubblico ministero basata sui video delle telecamere istallate dalla polizia, i piccoli sarebbero stati costretti a inghiottire il cibo caduto a terra come punizione per averlo fatto scivolare dal piatto.



Episodi su cui sarà il gip del Tribunale di Rovigo, Alessandra Martinelli, a esprimersi decidendo se rinviare a giudizio oppure no le tre imputate. Stamattina il giudice per le indagini preliminari ha ascoltato il parere della psicologa incaricata di far luce sul nesso di causalità tra i presunti maltrattamenti e gli effetti a lungo termine che questi avrebbero avuto su tre dei bambini coinvolti, le cui famiglie si sono costituite parte civile.



Dalla perizia, tuttavia, non è emerso un rapporto diretto tra la condotta delle maestre e il comportamento dei piccoli. La prossima udienza preliminare, in cui il gip deciderà di mandare o meno a processo le tre donne, è fissata a inizio novembre.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl