you reporter

A Stienta una scultura per la madre di Sgarbi

Cultura

99040
Vittorio Sgarbi e la sua famiglia a Stienta per la posa di una scultura in memoria della madre.




Erano circa le 11 di ieri mattina quando, al cimitero del comune, sono arrivati Vittorio Sgarbi, la sorella Elisabetta e l’anziano papà Giuseppe, per partecipare alla posa della scultura in memoria della madre Maria Cavallini che riposa nella cappella di famiglia.




La sentita cerimonia si è svolta alla presenza dello scultore nonché autore della scultura Giuseppe Bergomi, della poetessa Alba Donati, del sindaco di Stienta Enrico Ferrarese, degli assessori Franchi e Malavasi e del parroco Giancarlo Berti che ha impartito la benedizione sui presenti e sulla scultura.




C’è stata commozione quando Vittorio ha letto la poesia di Alba Donati che narra degli incontri settimanali che la sorella Elisabetta ha con la madre, proprio nella cappella di famiglia.



In questi incontri Elisabetta legge alla mamma gli articoli scritti da lei o dal fratello Vittorio. La scultura in terracotta, che raffigura un Angelo, è dell’artista Giuseppe Bergomi e misura oltre due metri di altezza.




Una cerimonia intima ma densa di emozione e commozione, visto anche l’avvicinarsi alla commemorazione dei defunti, che ha raggiunto momenti di particolare emozione quando i figli hanno ricordato la madre e il particolare rapporto con lei, al punto che Elisabetta tutte le settimane raggiunge il campo santo di Stienta per passare qualche momento di raccoglimento sulla tomba della mamma.



Il servizio completo oggi 29 ottobre sulla Voce di Rovigo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl