you reporter

POLESELLA E PONTECCHIO POLESINE

Lacrime e affetto per l'addio a Loris, portato via dal virus

Due comunità si sono strette alla famiglia del 53enne

20/03/2021 - 10:02

C’erano due Comuni, con i rispettivi sindaci: Simone Ghirotto per Pontecchio Polesine, il paese dove Loris Segato, 53 anni, viveva; e Leonardo Raito, per Polesella, dove Loris lavorava all’ufficio tributi. Tanti colleghi, anche della ormai disciolta unione dei Comuni dell’Eridano. Infine, tantissime persone che conoscevano e stimavano il 53enne, oltre alla famiglia.


E’ stato un addio carico di dolore e di incredulità, per un uomo forte, sportivo, innamorato della vita e della sua famiglia, portato via dal Coronavirus nonostante tutto il prodigarsi del personale medico. Loris aveva contratto il virus circa un mese fa, poi il ricovero all'ospedale di Trecenta, dove le cure somministrate dai medici si sono rivelate inutili, nonostante tutto il prodigarsi, costante, dei medici e del personale tutto. Dolore in tutta la comunità di Pontecchio, sottolineato anche dal primo cittadino Simone Ghirotto.

Essermi svegliato con la desolante notizia della morte di Loris Segato mi ha lasciato per tutta la giornata svanito, incredulo e senza reazione – dice il sindaco, riandando con la memoria al giorno in cui ha ricevuto la tremenda comunicazione - E’ sempre difficile, ogni settimana, potervi comunicare il numero delle persone positive e in sorveglianza attiva, ma non avrei mai immaginato di potervi comunicare il decesso di una persona giovane, piena di vita e straordinaria per impegno e disponibilità nel lavoro. Non conoscevo personalmente Loris, ma ho potuto notare la sua cordialità, intelligenza e gentilezza le volte che per strada ci incontravamo e capire la sua persona dal racconto di amici e colleghi di lavoro”.

Analoghe parole di stima e di profondo dolore erano arrivate dall’assessore comunale di Polesella Sonia Colombani, con la quale Loris quotidianamente dialogava per lavoro. “Siamo tutti rimasti addolorati e colpiti - aveva detto - Loris era una bravissima persona, viveva per la sua famiglia, per accompagnare la figlia alle gare di equitazione. Una notizia devastante. Ricordo il modo con cui Loris prendeva il proprio lavoro, con cura e disponibilità. Era sempre pronto a cercare la soluzione per le richieste dell’utenza. Occupandosi di tassazione locale molte volte i cittadini chiedano a lui informazioni e lui si mostrava sempre disponibile, competente e pronto a cercare di dare risposte alle esigenze dei cittadini”. La migliore dimostrazione di affetto e vicinanza, però, è arrivata dalle tante persone che, pur nel pieno rispetto delle misure tipiche della “zona rossa”, hanno voluto esserci per un affettuoso ultimo saluto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl