you reporter

Manager sportivo accusato di truffa <br/> il processo verso la prescrizione

Il caso

47061

Il tribunale di Rovigo

Un noto manager sportivo rumeno era accusato di truffa nei confronti di una società di Occhiobello, per la vendita di telefoni cellulari per 30mila euro di valore: ma la sentenza non arriverà mai, visto che il processo in corso di svolgimento al tribunale di Rovigo è destinato alla prescrizione.



L'udienza di lunedì 13 gennaio mattina si è chiusa con un rinvio ad altra data, che è posteriore a quella per la quale saranno maturi i tempi per la prescrizione. Accusato di truffa è un volto noto del mondo calcistico internazionale, ex manager sportivo in passato reclutato per un periodo pure alla Roma. L'uomo è finito alla sbarra per la vendita di cellulari mai più consegnati alla ditta locale.



Era il febbraio del 2009, a subire l'inganno il rappresentante della società di Occhiobello. Il rumeno secondo l'accusa si era presentato come un commerciante di alto livello di telefonia, convincendo il polesano a costituire una società a Budapest, facendosi accreditare 2.500 euro per le spese notarili, 650 euro per le spedizioni di una fornitura di cellulari e 25mila euro come parte del pagamento di questi. Che non arrivarono, come del resto la condanna.



Il servizio completo in edicola nella Voce di martedì 14 giugno

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl