you reporter

Adria

Danneggiati due massi archeologici

Atto di vandalismo gravissimo in piazza Cavour, la videosorveglianza individuerà i colpevoli. Uno dei sassi è stato spostato verso la ringhiera con l’intenzione di gettarlo in acqua.

Danneggiati due massi archeologici

Uno dei massi danneggiati

E’ qualcosa di più di un atto di vandalismo: è un’offesa alla storia della città. In piazza Cavour sono stati danneggiati due marmi archeologici posti poco più di un anno fa dall’amministrazione comunale nel tratto che separa l’area di parcheggio con il Canalbianco.

Si tratta di una decina di marmi risalenti a epoca non ben identificata e oggetto di studio da parte degli studenti del polo tecnico, indirizzo ex geometri, nell’ambito del progetto culturale “Adria nascosta” promosso dalla fondazione Bocchi.

Addirittura uno dei marmi a forma cilindrica è stato spostato e portato vicino alla ringhiera, pertanto tutto lascia pensare che quei cialtroni avessero l’intenzione di gettarlo in canale.

Visto il peso del masso, quasi sicuramente hanno desistito. Uno dei due massi è stato ferocemente colpito con un attrezzo contundente, quasi sicuramente non un martello pesante perché altrimenti i danni sarebbero stati ben più consistenti.

La zona è coperta da videosorveglianza pertanto non dovrebbe risultare difficile individuare i responsabili.

La legge prescrive che chiunque distrugge, deteriora o comunque danneggia un monumento o un’altra cosa propria di cui gli sia noto il rilevante pregio, è punito, se dal fatto deriva un nocumento al patrimonio archeologico, storico, o artistico nazionale, con l'arresto fino a un anno o con l'ammenda non inferiore a duemilasessantacinque euro.

Spetterà al giudice valutare l’entità del danno e la pena appropriata, tuttavia una bella lezione sarebbe necessaria.

Inoltre non è escluso che i tristi autori di questo gesto nefasto non siano gli stessi che qualche settimana hanno oltraggiato la performance dedicata al ricordo di Giulia Lazzari, la giovane mamma 33enne strozzata dal marito.

In quell’occasione alcuni incivili non avevano trovato di meglio che “vincere la noia” rimuovendo qualche oggetto e distruggendo alcuni fiori nell’allestimento posto sotto la loggia del teatro Comunale, quindi sempre in piazza Cavour.

Allora uno degli angoli più suggestivi della città non può diventare un bronx nelle ore notturne.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl