you reporter

Volley A3 maschile

La Marini Delta vuole il bis

La capolista domenica ospiterà a Porto Viro la Tipiesse Cisano Bergamasco per la settima giornata.

La Marini Delta vuole il bis

Mattia Fregnan

La capolista vuole il bis. Dopo il derby (stra)vinto con Motta, la Biscottificio Marini Delta Volley ha a disposizione la seconda cartuccia casalinga nel giro di una settimana. Domenica primo dicembre, alle 18, diretta streaming su legavolley.tv) i nerofucsia ospiteranno a Porto Viro la Tipiesse Cisano Bergamasco per la settima giornata di Serie A3 Credem Banca.

Le recenti prestazioni di Cuda e compagni – reduci da sei successi consecutivi, gli ultimi due per 3-0 – sono certamente un invito all’ottimismo, ancor più se si analizza il ruolino esterno del prossimo avversario, finora fermo a due sconfitte lontano dalle mura amiche. Per la truppa polesana il rischio, semmai, è quello di un rilassamento generale, di una “sindrome da appagamento” dopo la lunga cavalcata culminata con il successo su Motta. Non a caso, già nell’immediato post-derby coach Massimo Zambonin richiamava l’attenzione dei suoi con un significativo “da lunedì testa alla sfida con Cisano”. Chiarissimo il messaggio di fondo: la capolista, per confermarsi tale, non può permettersi cali di concentrazione o mezze giornate di pausa.

Anche perché la Tipiesse, con il suo mix di atleti di esperienza (su tutti Mario Mercorio, uno che solo pochi mesi fa vinceva campionato e Coppa Italia di A2 a Piacenza) e giovani di belle speranze, è tutto meno che una squadra da sottovalutare. In classifica i bergamaschi hanno nove punti, gli stessi di Prata e Trento, sette in meno della Marini Delta. Come detto, le maggiori difficoltà i ragazzi di Matteo Battocchio fin qui le hanno avute in trasferta, dove sono stati battuti 3-0 sia da San Donà che da Cuneo. Di ben altro spessore, invece, il rendimento casalingo: tre successi e un solo ko (peraltro al tie-break). La vittima più illustre la già citata Motta, che contro Cisano ha dovuto interrompere una striscia positiva che durava da ben 23 partite.

A proposito di filotti positivi, Porto Viro ne ha messo in piedi uno che dura da sei partite. Ma c’è davvero il rischio di un calo di tensione tra i nerofucsia? “Non abbiamo mai abbassato la guardia finora e non vedo perché dovremmo farlo adesso – risponde deciso il libero della Marini Delta Mattia Fregnan – Anche se non è uno scontro diretto, la prossima partita è importante quanto quella con Motta, in palio ci sono sempre tre punti. Al di là di quanto dice la classifica o il loro rendimento esterno, sappiamo che Cisano è un avversario pericoloso. Hanno tanti giocatori esperti in rosa, se li affrontiamo nella maniera sbagliata o con superficialità possono darci molto fastidio. Sono sicuro che non commetteremo questo errore”.

Per qualcuno è una “sorpresa” vedere Porto Viro ai vertici del campionato di Serie A3, non per Fregnan, che spiega così l’exploit della Marini Delta: “Forse nemmeno io mi aspettavo il primato in classifica, ma sapendo quanto ci siamo impegnati durante la preparazione non credo ci sia poi tanto da meravigliarsi. I risultati ottenuti fin qui sono la naturale conseguenza del duro lavoro svolto in questi mesi”.

Duro lavoro che sta dando i suoi frutti anche, se non soprattutto, nella fase difensiva: “Rispetto all’anno scorso – analizza il libero nato ad Adria –, abbiamo sistemato e migliorato diverse cose. Il nostro gioco è più ordinato e questo ci permette di avere un’ottima correlazione muro-difesa, un fattore determinante in partite che spesso si decidono punto a punto”.

E poi in casa la Marini Delta può contare sempre su un compagno in più, il pubblico, vero “settimo uomo” in campo dei nerofucsia: “I nostri tifosi sono un’arma fondamentale – conclude Fregnan – Personalmente sento una grande differenza tra le partite giocate a Porto Viro e quelle in trasferta. L’aria che si respira nel nostro palazzetto è diversa, molto più elettrica, frizzante. Questo ci aiuta tantissimo a migliorare le nostre performance e infatti in casa stiamo veramente facendo la differenza”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl