you reporter

Volley femminile

Project, una Serie D che fa sognare

La squadra guidata da Bovolenta e Mosca è quarta da neopromossa. L’obiettivo della compagine è la salvezza, ma i risultati sono ottimi: play off molto vicini.

La prima squadra della società Project Star Volley del patron Mirco Mancin, realtà nata dalla sinergia di tre società di pallavolo polesane cioè la Virtus Taglio di Po, la Volley Porto Viro e la Scardovari Volley, milita nel campionato di Serie D di volley.

La squadra è formata da ragazze provenienti dalle tre società con l’aggiunta di alcune atlete che vengono da Chioggia e Rovigo. La società dispone di un nutrito settore giovanile che viene spesso impiegato anche nelle categorie superiori. Attualmente la formazione di atlete, che l’anno scorso vinse il campionato di Prima divisione guadagnandosi la promozione, si trova al quarto posto in classifica a quota trentadue punti al giro di boa tra andata e ritorno.

Alla guida della compagine c’è la coppia formata dagli allenatori Dario Bovolenta, istruttore federale di Beach volley, e Leonardo Mosca. Bovolenta commenta così il momento della squadra: “Quando ad agosto mi trovai con il team manager della società, Sandro Donà, eravamo una squadra neopromossa, e ovviamente il nostro obiettivo era semplicemente quello di salvarci per mantenere il campionato. D’altro canto la squadra era rimasta quasi la stessa dell’anno precedente, a parte qualche giovane innesto che comunque non conosceva la categoria ed aveva poca esperienza. Adesso ci troviamo a marzo, al giro di boa tra il girone di andata e quello di ritorno, al quarto posto in classifica con ben trentadue punti, che non sono pochi, molto vicini alla zona play off. Il nostro percorso non è stato del tutto facile: infatti, abbiamo perso delle atlete per infortunio e ci siamo dovuti rimboccare le maniche. Abbiamo scelto di promuovere le ragazze delle giovanili per dare la possibilità anche a loro di crescere”.

Per quanto riguarda il gruppo, il tecnico afferma: “Questo è il mio secondo anno sulla panchina della Project Star Volley e devo dire che il gruppo è diventato coeso, affiatato e molto unito. La crescita si è vista anche dal punto di vista tecnico e da quello del comportamento in campo e fuori. Sono un allenatore che pretende molto e credo che si possa sempre migliorare.

Potevamo migliorare l’anno scorso, nonostante la vittoria del campionato; possiamo migliorare quest’anno e credo che potremo migliorare anche nei prossimi anni. Sono molto orgoglioso delle giovani atlete che si sono fatte valere anche nella prima squadra”.

Sull’obiettivo stagionale aggiunge: “Lo scopo primario resta sempre la salvezza. Dobbiamo restare con i piedi per terra perché siamo pur sempre una squadra neopromossa. Non nascondo però che sognare è sempre bello, non so cosa ci aspetterà in futuro. Ci terrei particolarmente a ringraziare tutta la società per il duro lavoro, spesso dietro le quinte, che stanno svolgendo quotidianamente per fare in modo che tutto funzioni al meglio. Vorrei ringraziare anche le mie ragazze, sono un allenatore che pretende molto e a volte riconosco di essere rigido, ma loro sono brave a sopportarmi e a seguirmi nonostante i duri allenamenti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl