you reporter

La storia

Bonificano lo scolo pieno di guanti

Direttore e dipendenti dell’Alìper di Taglio di Po hanno ripulito il canale vicino al supermercato. “Striscia la notizia” ha raccontato il bel gesto contro il malcostume dell’abbandono della plastica.

Bonificano lo scolo pieno di guanti

Direttore e dipendenti di un supermercato di Taglio di Po all’opera a salvaguardia dell’ambiente: unici in Italia a rispondere alla segnalazione, hanno ripulito uno scolo d’acqua, vicino alla struttura, dai numerosi guanti in plastica abbandonati da chi usciva dopo aver fatto la spesa. La bellissima storia è stata raccontata da “Striscia la notizia”, nella puntata andata in onda su Canale 5 sabato sera scorso.

L’inviata Chiara Squaglia ha trattato del problema dei guanti in plastica abbandonati fuori dai supermercati o nei pressi dei centri commerciali. In effetti, a causa dell’emergenza Coronavirus, per poter entrare in quei luoghi bisogna indossare, oltre alla mascherina, anche i guanti in plastica che prima erano utilizzati solo nel reparto ortofrutta ed invece, ora, si devono usare per l’intera spesa. Purtroppo, è malcostume diffuso che, dopo aver fatto la spesa, quei dispositivi vengano lasciati nel carrello o gettati a terra, poi portati via dal vento. Il servizio di “Striscia” riporta numerosi esempi a livello nazionale, con casi segnalati ad Avezzano, Pescara, Bologna, Castelvetro Piacentino, Cremona, Sondrio o in provincia di Brescia. Insomma, un fenomeno diffuso su tutta la penisola. Trattandosi di plastica, è materiale altamente inquinante per l’ambiente, se lasciato per terra tra l’erba o addirittura nei corsi d’acqua.

Come risulta da uno studio del policlinico di Torino, citato nel servizio di “Striscia”, da quando è scoppiata l’emergenza sanitaria l’inquinamento da plastica è aumentato, con l’uso di mezzo miliardo di guanti ogni mese: se solo l’1% finisse nell’ambiente, si tratterebbe di 40mila chilogrammi di plastica in più nella natura. I dati sono riportati dall’associazione “Plastic free onlus”, che con i suoi referenti si è occupata di contattare i supermercati o centri commerciali, in tutta Italia, in cui si sono verificati questi casi di abbandono dei guanti. I referenti non hanno ricevuto risposte, tranne che da un supermercato, ovvero proprio il supermercato “Alìper” a Taglio di Po in via Kennedy. Nei pressi della struttura, infatti, c’è un piccolo scolo che, fino a qualche tempo fa, era stato trasformato in una vera e propria discarica di guanti in plastica.

“Affiancato dai ragazzi, dai miei colleghi - ha detto ai microfoni di “Striscia la notizia” il direttore dell’Alìper Nicola Tandin - abbiamo acquistato rastrelli, guanti e sacchi e abbiamo bonificato la zona dai guanti e da altro materiale inquinante. Quindi, abbiamo acquistato anche altri cestini specifici per la raccolta dei guanti dopo l’uso”. Il canale di scolo confinante con il supermercato è stato ripulito di tutto punto: dei guanti ora neanche l’ombra. Un grande gesto, unico a livello nazionale, che rende onore alla comunità di Taglio di Po grazie all’impegno dei dipendenti del supermercato di via Kennedy.

L’amministrazione applaude a questa iniziativa. “Sono davvero contento che sia stato fatto questo - spiega il sindaco di Taglio di Po Francesco Siviero - la città si è distinta per un comportamento molto positivo”.

Anche il vice sindaco Alberto Fioravanti esprime la sua soddisfazione: “Mi complimento, è stata davvero una bella iniziativa. Speriamo che sia da esempio per evitare questo tipo di comportamenti inquinanti”.

Guarda il video completo a questo link.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl